Limiti regime contabilità semplificato

[Voti: 2 Media voto: 5]

limiti regime contabilità semplificato

Un nostro lettore Andrea di Verona ci chiede maggiori informazioni in merito a limiti regime contabilità semplificato.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Limiti regime contabilità semplificato

Buonasera, sono l’amministratore delegato di una s.r.l. che distribuisce materiale elettrico.
Negli anni, purtroppo, la nostra attività si è ridotta sensibilmente e mentre nei primi anni 2000 il nostro volume di affari superava agevolmente il milione di euro nel 2016 si è contratto fino a 200.000 euro circa.

Il nostro sistema contabile è il medesimo a quando le vendite erano molto più consistenti.
Ho chiesto al nostro consulente se il limitato volume d’affari ci consente di adottare la contabilità semplificata ma lui ci ha risposto negativamente. Vi chiedo un parere.

Andrea – Verona

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta a Andrea

Ciao Andrea, grazie per la tua domanda relativa a limiti regime contabilità semplificato.
Prima di rispondere al tuo caso sappi che tanti operatori economici con partita Iva devono esaminare se il loro regime contabile, sotto l’aspetto fiscale, può essere semplificato e non ordinario.
Vediamo cosa dice la normativa.

Innanzitutto occorre fare chiarezza sui requisiti soggettivi che permettono potenzialmente di adottare un regime di contabilità semplificata:

la tenuta della contabilità semplificata può essere adottata da professionisti, imprenditori individuali e società di persone e mai da società di capitali.

Ha capito bene, le società di capitali (Srl, Spa, Sapa) sono obbligatoriamente tenute al regime di contabilità ordinaria, indipendentemente dal volume di ricavi conseguito.
In merito segnaliamo che anche le Srls, ossia le società a responsabilità limitata semplificata, sono pur sempre delle società di capitali e non possono adottare il regime fiscale di contabilità semplificata.

Se il requisito soggettivo è rispettato, ossia non sei una società di capitali, i limiti dei ricavi per poter accedere al regime semplificato sono i seguenti:

  • 400.000 € per chi svolge un’attività di prestazioni di servizi;
  • 700.000 € per chi svolge altre attività.

Il rispetto di tali soglie di ricavi deve essere verificata in ogni periodo di imposta.
L’eventuale superamento della soglia in un esercizio comporta l’obbligo di adottare il regime di contabilità ordinaria a decorrere dal 1° gennaio del periodo di imposta successivo.
Per quanto sopra puoi agevolmente constatare che, benchè sotto il profilo oggettivo la tua attività potrebbe adottare un regime fiscale semplificato, non vi è il requisito soggettivo.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply