Acconto imposta sostitutiva uscendo dal forfettario

[Voti: 5 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Acconto imposta sostitutiva uscendo dal forfettario

acconto imposta sostitutiva uscendo dal forfettario

Acconto di imposta sostitutiva per chi esce dal regime forfettario

Il 30 novembre di ogni anno è il termine ultimo per versare la seconda rata dell’acconto utilizzando il metodo storico o previsionale: analizziamoli.

Metodo storico

Con il metodo storico il contribuente prende come base di calcolo i redditi dichiarati nel periodo d’imposta precedente.
Dopodiché su questi calcola gli acconti nelle modalità e nei tempi della legge.

Il tuo commercialista a 269€

Gestione contabilità 2019 + Dichiarazione + Conservazione digitale + Assistenza.
Regime Forfettario – Contabilità e dichiarazione 269€
Regime dei Minimi – Contabilità e dichiarazione 269€

Vuoi aprire la partita IVA?
Apri Gratis la partita Iva in regime forfettario!

Metodo previsionale

Con il metodo previsionale il contribuente prende invece come base di calcolo i redditi che presumibilmente consegue nel periodo d’imposta in corso.

E’ noto che gli errori per difetto nel pagamento degli acconti, sono sanzionati dall’amministrazione finanziaria.
Per questo, possiamo dire che il metodo previsionale è il metodo di calcolo adottato soltanto in presenza di consistenti riduzioni della base imponibile.
Ai fini del versamento dei secondi acconti, possono presentarsi nel regime forfettario situazioni particolari.  (Legge 190/2014)
Prima di esaminare le peculiarità di calcolo per i contribuenti nel regime forfettario, spendiamo poche parole sugli acconti di un un contribuente minimo. (Dl 98/2011)

Gli acconti del contribuente minimo

Il contribuente minimo al 30 novembre 2016, ha versato ordinariamente il secondo acconto acconto (60%) dell’imposta sostitutiva pari al 5% nella misura del 100%.
L’imposta sostitutiva dei minimi segue le regole ordinarie di determinazione degli acconti dell’Irpef.
La marginalità delle posizioni dei contribuenti minimi può tuttavia comportare anche un’altra eventualità.
Infatti può accadere che il secondo acconto non sia dovuto.
In questo caso o perché l’imposta sostitutiva è pari a zero o perché è inferiore a 51,65 €.

Per contro, potrebbe invece accadere che l’imposta sostitutiva sia stata versata in un’unica soluzione al 30 novembre 2016 perché di importo compreso tra 51,66 e 257,52 €.
In questo ultimo caso, se per esempio l’imposta sostitutiva fosse pari a 100,00 €, si doveva versare integralmente e unicamente attraverso F24 entro il 30 novembre 2016.

I contribuenti nel regime forfettario

Prendiamo in considerazione il caso di un contribuente forfettario che risulta in uscita dal regime per accedere ad regime ordinario.
Occorre dunque chiedersi se nel periodo d’imposta 2017 il contribuente dovrà assolvere il pagamento degli acconti in funzione dell’imposta sostitutiva liquidata per il 2016 in Unico 2017.
Il legislatore non ha disposto nulla a questo proposito.
Di conseguenza si potrebbe sostenere che nessun acconto sia da versare.
Questo perché il reddito viene determinato differentemente nei due regimi.
Di conseguenza, non ha un dato storico su cui basare il calcolo degli acconti.
Sempre che, ovviamente, si utilizzi il metodo storico.
Viceversa con il metodo previsionale, ben si potrebbe determinare il secondo acconto sulla base dei redditi che saranno determinati ordinariamente.

In ultimo, occorre pur sempre ricordare che è sempre possibile versare in ogni caso il secondo acconto con metodo storico e poi scomputarlo nell’Unico.
Coloro che hanno adottato quest’ultimo comportamento nel periodo d’imposta 2015 hanno potuto scomputare gli acconti versati nell’Unico 2016 nel rigo RN37.

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Fattura elettronica

Dal primo Gennaio 2019, entra in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica. I contribuenti in regime forfettario ed in regime dei minimi sono esonerati da tale obbligo. Se desideri maggiori informazioni leggi l’articolo regime forfettario e fattura elettronica.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Acconto imposta sostitutiva uscendo dal forfettario ultima modifica: 2016-11-13T19:10:54+01:00 da Staff

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema o inserire un quesito semplice e breve, ti rispondiamo appena possibile. Per richiedere una consulenza e per risposte veloci utilizza il servizio di assistenza.