Cambio attività regime forfettario e minimi

cambio attività regime forfettario e minimi

Accade spesso che i clienti in regime agevolativi abbiano l’opportunità di modificare la propria attività od ancora di aprire una seconda attività.
Oggi è quindi essenziale essere flessibili da questo punto di vista perchè le esigenze del mercato possono variare anche velocemente e bisogna sempre farsi trovare pronti a recepire questi cambiamenti.

L’argomento relativo al cambio attività regime forfettario e minimi è quindi essenziale per la gestione della propria attività e richiede solo qualche minuto per essere compreso.
Il quesito ricorrente fondamentalmente è questo:

cosa succede al regime forfettario e al regime dei minimi con il cambio di attività?

La risposta è veramente molto semplice e te la diamo subito.
Rimanendo fermi tutti i requisiti per l’adozione di regime agevolativi la modifica o l’ampliamento dell’esercizio di attività non causano mai la fuoriuscita dagli stessi.
Vediamo subito alcuni casi di potenziali situazioni reali che possono chiarire come non vi siano problemi di fuoriuscita dai regime agevolativi.

Cerchi un consulente efficiente ed affidabile?

Affida la tua contabilità ai nostri esperti.
Riceverai anche un servizio di consulenza telefonica continuativa ad un prezzo conveniente, scegli il servizio adatto alle tue esigenze:

Contabilità regime forfettario – soli 179 € + Iva all’anno

Contabilità regime minimi – soli 199 € + Iva all’anno

Contabilità regime semplificato – soli 499 € + Iva all’anno

Se non hai un’attività già aperta apri la partita Iva con il nostro servizio.

Per ulteriori informazioni o un preventivo personalizzato contattaci:

Chiama lo 0573/1935899
Invia un messaggio Whatsapp al 392/0479443 e sarai richiamato da un nostro consulente
Parla adesso con un operatore in chat
Inviaci una email

Professionista nel regime minimi che diventa artigiano

Un contribuente ha adottato il regime minimi in fase di inizio attività ed è stato inquadrato come professionista con conseguente iscrizione alla gestione separata Inps.
Successivamente il contribuente ha modificato la sua attività in quanto la stessa ha assunto i caratteri di attività artigianale svolta in forma imprenditoriale.
Questa modifica di inquadramento aveva allarmato il contribuente.
Ebbene la modifica di attività e, nel caso specifico il passaggio da professionista ad artigiano, non determina ripercussioni al regime dei minimi.
Infatti la circostanza che il contribuente cambi l’attività, o ne cambi l’inquadramento, non comporta conseguenze al regime dei minimi.

Professionista nel regime minimi che diventa commerciante

Un contribuente ha adottato il regime minimi in fase di inizio attività ed è stato inquadrato come professionista.
Successivamente il contribuente ha deciso di aprire un’attività commerciale on-line.
Anche la seconda attività deve essere svolta con la medesima partita Iva.
Nel caso specifico l’esercizio di due attività, una professionale ed una commerciale, non determina ripercussioni al regime minimi.
L’unico elemento necessario è il rispetto dei requisiti di applicazione del regime e, tra gli altri, il rispetto del tetto dei ricavi e/o compensi incassati, soglia che non può superare i 30.000,00 €.

Professionista nel regime minimi che amplia la sua attività libera professionale

Un contribuente nel regime minimi in fase di inizio attività ha aperto la sua attività come professionista.
Successivamente ha deciso di iniziare un’attività temporanea ulteriore e diversa da quella principale.
Anche in questo caso l’avvio della nuova attività non determina l’impossibilità di continuare a beneficiare del regime minimi con riferimento a quella già in essere.

Professionista nel regime forfettario che diventa artigiano

Nel caso di contribuente in regime forfettario non si hanno mai conseguenze dirompenti dalla modifica dell’attività.
Il regime forfettario è un regime naturale e rimane insensibile a modifiche di qualunque tipo.

Professionista in regime forfettario che amplia la sua attività libera professionale

Nel caso di contribuente in regime forfettario, non si hanno mai conseguenze dirompenti dalla modifica dell’attività.
Il regime forfettario è un regime naturale e rimane insensibile a modifiche di qualunque tipo.

Cambio attività regime forfettario e minimi ultima modifica: 2017-01-11T18:00:21+00:00 da Staff

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, o premendo sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Cookies policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi