Chiudere partita iva minimi

[Voti: 19 Media voto: 5]

chiudere partita iva minimi

Una nostra lettrice Manuela di Ancona ci chiede maggiori informazioni in merito a chiudere partita iva minimi.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Chiudere partita iva minimi

Buongiorno e complimenti per il vostro sito, è davvero utile e interessante! Avrei bisogno di un chiarimento definitivo, rispetto alle versioni discordanti che ho avuto finora rispetto al mio caso.
Ho aperto la mia attività autonoma di consulente per organizzazione di eventi codice Ateco 82.30.30 con relativa partita Iva ad aprile 2012 con il regime dei minimi.

Il termine dei 5 anni è scaduto quindi ad aprile 2017. Dal momento che nel 2016 ho fatturato molto meno di 5000€ e nel 2017 non ho fatturato, ho deciso di chiudere l’attività.
La mia domanda è: ipotizzando di chiudere la partita Iva domani, se dal 12 aprile non rientro più nei minimi, ma non ho fatturato, non avrò adempimenti fiscali al 15% invece che al 5, ma dovrò versare solo il contributo INPS calcolato al regime ordinario relativamente al periodo 12/04-7/06?

E se, come ho letto, la comunicazione di chiusura partita Iva deve essere inoltrata entro 30 giorni dalla cessazione dell’attività, posso dichiarare cessata l’attività il 10 maggio inviando la comunicazione il 7 giugno?

Grazie per l’attenzione

Manuela – Ancona

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta a Manuela

Ciao Manuela, grazie per la tua domanda relativa su come chiudere partita iva minimi.
Premettiamo che il regime dei minimi può essere applicato per i primi 5 anni di attività, o in alternativa fino al compimento dei 35 anni se questo offre la possibilità di usufruirne per un periodo superiore ai 5 anni.

Detto questo il limite di 5 anni si riferisce a periodi di imposta, pertanto poteva essere applicato per i primi 5 periodi d’imposta.
Nel tuo caso specifico avendo aperto partita Iva da Aprile 2012, il regime dei minimi poteva essere applicato per i redditi 2012, 2013, 2014, 2015 e 2016.
Di conseguenza la scadenza naturale del regime dei minimi era fissata al 31 Dicembre 2016 e non Aprile 2017.

Dal 1 ° Gennaio 2017 avresti dovuto applicare il regime forfettario con imposta sostitutiva al 15%, previa verifica dei requisiti.
Non avendo fatturato però non si pongono particolari problemi.
Per quanto riguarda la chiusura della partita Iva, confermiamo che può essere comunicata retroagendo fino a 30 giorni, quindi nel tuo caso se la comunicazione viene inviata il 7 giugno potrai richiedere la cessazione a far fede dalla data dell’ 8 Maggio.

In caso di chiusura della partita Iva, nella prossima e ultima dichiarazione dei redditi, dovrai versare solamente i contributi INPS relativi al periodo che va dal 01/01/2017 al 08/05/2017.

Se vuoi utilizzare il nostro servizio, ti inseriamo i link a seconda del profilo:
Professionisti – servizio di chiusura partita Iva
Artigiani – servizio di chiusura partita Iva
Commercianti – servizio di chiusura partita Iva

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply