Coadiuvante e regime dei minimi

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Coadiuvante e regime dei minimi

coadiuvante e regime dei minimi

Il coadiuvante non costituisce ostacolo per i contribuenti minimi

Oggi parliamo dei coadiuvanti e della loro relazione con il regime dei minimi.
Analizziamo due casi:

  1. se un coadiuvante vuole accedere al regime dei minimi;
  2. se un contribuente del regime dei minimi ha intenzione di assumere un coadiuvante.

Prima però è necessario specificare chi è un coadiuvante.

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Chi è un coadiuvante?

Un coadiuvante è colui che collabora con un familiare che svolge un’attività in conto proprio, senza avere un rapporto di lavoro regolato da un contratto.
Si deve inoltre specificare che non tutti i collaboratori familiari sono riconosciuti.
Infatti si evidenziano fra questi, soltanto 5 categorie:

  • coniuge;
  • figli legittimi o adottivi;
  • fratelli e sorelle;
  • nipoti;
  • parenti fino al 3° grado di parentela.

Coadiuvante che vuole accedere al regime dei minimi

La qualifica del coadiuvante, come attività esercitata nel triennio precedente, non costituisce nessun ostacolo al regime dei minimi.
Al riguardo, l’art.27 del Dl 98/2011 comprende nell’attività esercitata nel triennio precedente quella svolta in qualità di socio o collaboratore familiare.
Quest’ultima categoria però è associata ad un’impresa familiare e quindi ad un soggetto che fiscalmente percepisce un reddito.

La figura del collaboratore familiare non è quindi riconducibile a quella del coadiuvante.
Il motivo risiede nel fatto che al coadiuvante non viene attribuito alcun reddito partecipativo d’impresa o di lavoro autonomo.
L’ostacolo della mera prosecuzione dell’attività  quindi non sussiste perché il coadiuvante non produce alcun reddito di lavoro autonomo o di lavoro dipendente.
Per tale motivo il coadiuvante può accedere al regime dei minimi.

Contribuente del regime dei minimi ha intenzione di assumere un coadiuvante

La legge 244/2007 comma 96 ricorda a tutti i contribuenti che, usufruendo del regime dei minimi, non possono sostenere spese per lavoro dipendente o subordinato.
Possono però, in alternativa avvalersi di collaboratori occasionali, retribuiti tramite voucher INPS  .
E’ possibile quindi per un contribuente minimo avvalersi di un coadiuvante solo nel caso in cui le prestazioni offerte siano occasionali e quindi retribuite tramite voucher.

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. Avatar Francesco 6 Ottobre 2017
    • Sysadmin Staff 11 Ottobre 2017

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.