Codice Ateco per amministratore condominio

[Voti: 2 Media voto: 5]

codice Ateco per amministratore condominio

Un nostro lettore Giulio di Varese, ci ha inviato una richiesta di consulenza e ci chiede informazioni su codice Ateco per amministratore condominio.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Codice Ateco per amministratore condominio

Buongiorno, sono un insegnante e amministro circa 10 condomini. Nel 2005 ho aperto la partita IVA con codice ATECO 683200 .
Siccome il mio fatturato e’ minimo ( sono in regime forfettario) e credo che il codice 683200 non sia adeguato alla mia attività , volevo sapere se posso passare al codice 749099 o meglio ancora al 960909.

Nel caso fosse possibile, ho letto che si può regolarizzare in UNICO 2017 .
Essendo in regime forfettario, in quali quadri devo segnalare la modifica del codice.
Grazie , cordiali saluti

Giulio – Varese

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

La nostra risposta a Giulio

Buongiorno Giulio, grazie per la tua domanda su codice Ateco per amministratore condominio.
Il codice Ateco per l’attività di amministratore di condominio è il 68.32.00, quindi a nostro avviso è corretto quello che stai utilizzando attualmente.
Magari se svolgi anche altre attività puoi pensare di indicare come codice Ateco secondario uno di quelli indicati nella tua domanda.

La modifica del codice Ateco però deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate, compilando e inviando telematicamente il modello AA9/12 nella sezione per la Variazione della partita Iva. In  pratica deve essere inserito il nuovo codice Ateco e la data da cui la variazione deve avere effetto.

La comunicazione di variazione deve essere trasmessa entro 30 giorni dall’evento a cui si può ricondurre la variazione dell’attività.
Se le comunicazione non viene effettuata si è soggetti a sanzioni.
Le sanzioni però possono essere evitate indicando nel quadro LM (rigo LM22 colonna 1 per i forfettari) del modello Redditi 2017, il nuovo codice Ateco, poiché il comportamento concludente del contribuente rientra tra le cause di non punibilità previste dal decreto legislativo 472/1997 art. 6 comma 5-bis.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.