Credito inps gestione minimi

[Voti: 2 Media voto: 5]

credito inps gestione minimi

Una nostra lettrice Giusy di Varese ci chiede maggiori informazioni in merito a credito inps gestione minimi.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Credito inps gestione minimi

Ho chiuso la partiva Iva come contribuente minimo nel febbraio 2016, l’anno scorso avevo un credito INPS che avevo lasciato in compensazione e in parte utilizzato, quest’anno ho ancora una parte residua del credito INPS da utilizzare.

Volevo sapere se devo fare richiesta di autoliquidazione all’INPS per la parte necessaria a compensare i debiti da unico, e fare richiesta di rimborso per la parte residua?
Operativamente come dovrei procedere? Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.

Giusy – Varese

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

La nostra risposta a Giusy

Ciao Giusy, grazie per la tua domanda relativa a credito inps gestione minimi perchè è molto interessante.
Il credito residuo derivante dal modello Unico 2016 quadro RR, rigo RB, colonna 8 può essere utilizzato in compensazione nel modello F24 unificato senza presentare particolari richieste. Nell’F24 deve essere indicato come periodo di riferimento dell’importo a credito, l’anno da cui è scaturito, ovvero 01/2015 – 12/2015.

Per quanto riguarda l’ulteriore parte in eccedenza che rimane del credito INPS, anche dopo aver compensato gli importi a debito derivanti dal modello Unico 2017, sarà necessario presentare richiesta di rimborso.

L’istanza di rimborso deve essere presentata esclusivamente online, tramite il sito www.inps.it, selezionando il servizio Gestione separata: domanda di rimborso
Durante la compilazione del modulo di richiesta di rimborso dovranno essere indicati:

  • il motivo del rimborso;
  • l’anno dove è scaturito il credito;
  • l’importo a credito richiesto;
  • le modalità di accredito della somma richiesta a rimborso.

Una volta inviata la richiesta, verrà assegnato un protocollo tramite il quale potrà essere possibile verificare lo stato della richiesta.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.