Dichiarazione redditi amministratore di condominio

[Voti: 2 Media voto: 5]

dichiarazione redditi amministratore di condominio

Un nostro lettore Marco di Trezzano sul Naviglio ci chiede maggiori informazioni in merito a dichiarazione redditi amministratore di condominio.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Dichiarazione redditi amministratore di condominio

Carissimi regimeminimi, sono un amministratore di condominio da oltre venti anni. Negli ultimi giorni, parlando ad un convegno con colleghi, sono venuto alla conoscenza che nella mia dichiarazione dei redditi devo indicare dati del condominio. Mi confermate tale obbligo?

Grazie in anticipo per la vostra risposta

Marco – Trezzano sul Naviglio

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

La nostra risposta a Marco

Salve Marco e grazie per la tua domanda relativa a dichiarazione redditi amministratore di condominio alla quale rispondiamo molto volentieri.
Purtroppo ti confermiamo l’obbligo per gli amministratori di condominio di comunicazione, nella propria dichiarazione dei redditi di alcuni dati del condominio.

Con il modello 730/2016 è stato introdotto il nuovo quadro K in luogo del quadro AC del modello UnicoPF, per la comunicazione all’ADE da parte degli amministratori degli acquisti di beni e servizi dell’anno.
E’ obbligo di comunicare tutti i beni e servizi eccetto:

  • forniture di acqua, energia elettrica e gas;
  • acquisti di beni e servizi effettuati nell’anno solare, che risultano, al lordo dell’IVA gravante sull’acquisto, di ammontare non superiore complessivamente ad euro 258,23 per singolo fornitore. In tale ipotesi non devono neppure essere indicati i dati identificativi del relativo fornitore;
  • forniture di servizi che hanno comportato, da parte del condominio, il pagamento di somme soggette a ritenute alla fonte.
    Tali importi, infatti, vanno esposti nella dichiarazione dei sostituti d’imposta (Modello 770), che il condominio è obbligato a presentare in qualità di sostituto (es. la ritenuta del 4% da applicare a prestazioni su contratti di appalto di opere e servizi, o la ritenuta del 20% cui sono assoggettati i corrispettivi per le attività di lavoro autonomo anche occasionale).

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Per approfondire gli argomenti sono disponibili molti testi, questo manuale teorico pratico, Il nuovo condominio, è provvisto di contenuto digitale ed accesso online.
Il testo in modo chiaro affronta gli aspetti di maggior interesse che riguardano la materia condominiale.
E' provvisto di un formulario disponibile sul software scaricabile grazie ad un  Qr-code fornito.

I manuali in commercio per amministratori di condominio sono abbastanza numerosi.
Ti suggeriamo questi due volumi, che tra quelli che abbiamo letto ci sembrano i più adatti per documentarsi e sostenere l'esame ai sensi del D.M. 13 agosto 2014, n. 140.

Se vuoi occuparti di condomini in modo professionale, potresti aver bisogno del corso obbligatorio di formazione iniziale per amministratori di condominio 2017. Il corso è organizzato da Confedilizia e CELT, ed abilita all’esercizio della professione di amministratore di condominio così come previsto dall’art. 5 del D.M. 13 agosto 2014, n. 140, in vigore dal 9 ottobre 2014. Il corso si svolge online ed il superamento delle prove consente di ricevere l’attestato che certifica la partecipazione e dà diritto di sostenere l'esame finale ed ottenere il diploma.

E' prevista anche la modalità a a professione non esclusiva

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply