Documento informatico pdf

[Voti: 2 Media voto: 5]

documento informatico pdf

Una nostra lettrice Eleonora di Treviso ci chiede maggiori informazioni su come documento informatico pdf.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Documento informatico pdf

Buongiorno mi chiamo Eleonora e vi scrivo dalla provincia di Treviso.
In vostri recenti interventi leggo spesso di documento informatico e non riesco a chiarire esattamente cosa possa essere? Se elaboro un documento in formato .doc, lo stampo e lo firmo con firma autografa e poi ne faccio una copia in formato .pdf, ho creato un documento informatico?

Grazie in anticipo

Eleonora – Treviso

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

La nostra risposta a Eleonora

Ciao Eleonora, grazie per la tua domanda relativa a documento informatico pdf, perchè questa è una domanda molto di attualità che spesso ci sentiamo rivolgere da clienti e lettori del blog.
Il documento informatico trova la sua fonte normativa nell’art. 20, comma 1 del d.lgs. 82/2005 c.d. Codice dell’Amministrazione Digitale.

E’ definito quale rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti in contrapposizione al documento analogico definito quale rappresentazione non informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti.

Il CAD inquadra il documento informatico quale elemento centrale di quel processo di innovazione della Pubblica amministrazione finalizzato alla completa digitalizzazione delle pratiche amministrative.

La partita dell’idoneità del documento informatico viene giocata in realtà sotto il profilo della validità giuridica ed il comma 1-bis sempre dell’art. 20 del CAD dispone che L’idoneità del documento informatico a soddisfare il requisito della forma scritta e il suo valore probatorio sono liberamente valutabili in giudizio, in relazione alle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità” mentre l’articolo 22 del CAD traccia la rilavanza giuridica del documento informatico con apposta una firma elettronica.

In particolare il documento informatico, cui è apposta una firma elettronica, soddisfa il requisito della forma scritta e sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità.

Si osservi che l’art. 21 tratta di firma elettronica e dunque di firma elettronica semplice.

Laddove invece il documento informatico sia sottoscritto con firma elettronica avanzata, qualificata o digitale, ha altresì l’efficacia prevista dall’articolo 2702 del codice civile.
Venendo al tuo quesito, la risposta è negativa ossia la scansione di un documento analogico e la creazione di un file pdf non è un documento informatico ma banalmente è una copia informatica di un documento analogico.

Il tuo caso è trattato espressamente dall’art. 22 CAD secondo il quale Le copie per immagine su supporto informatico di documenti originali formati in origine su supporto analogico nel rispetto delle regole tecniche di cui all’articolo 71 hanno la stessa efficacia probatoria degli originali da cui sono tratte se la loro conformità all’originale non è espressamente disconosciuta.

Per completezza il CAD disciplina anche particolari copie informatiche di documenti analogiche: le copie di atti pubblici e scritture privati e documenti in genere rilasciati dai depositari pubblici autorizzati e dai pubblici ufficiale.

Queste copie hanno piena efficacia, ai sensi degli articoli 2714 e 2715 del codice civile, se ad essi è apposta o associata, da parte di colui che li spedisce o rilascia, una firma digitale o altra firma elettronica qualificata. La loro esibizione e produzione sostituisce quella dell’originale.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Approfondimenti sui temi trattati

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo l'acquisto di questo libro. Il costo è di soli 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro.

Se finalmente hai deciso di aprire una startup innovativa, o vuoi avere una serie di spunti per creare un nuovo lavoro, ti segnaliamo alcuni libri veramente interessanti e pieni di spunti ed idee.

Startup digitali & PMI innovative, analizza la situazione degli imprenditori in Italia, 8 su 10 falliscono entro i primi 18 mesi. Il libro analizza le differenze tra chi riesce e chi fallisce, ed aiuta manager e imprenditori a vincere.
Raccoglie tecniche, strategie, case history di chi ha fatto successo. Gli autori, imprenditori di se stessi hanno una esperienza ventennale ed hanno inserito le loro conoscenze e competenze. Consigliato.

Startup. Sogna, credici, realizza. Dall'idea al successo è scritto da quattro giornalisti che ogni giorno si confrontano con queste tematiche, è una guida essenziale per chi vuole creare una startup. I dieci capitoli del libro, sono veramente interessanti e contiene le interviste esclusive ai founder di startup mondiali, da Airbnb a Candy Crush.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply