Il reddito da locazione non ostacola il contribuente minimo

[Voti: 2 Media voto: 5]

Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Il reddito da locazione non ostacola il contribuente minimodetrazioni interessi passivi regime minimi

Il reddito da locazione ed il contribuente minimo

Oggi vediamo un altro aspetto che riguarda chi è nel regime dei minimi, il reddito da locazione.

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

Le detrazioni da interessi passivi

E’ possibile detrarre ai fini irpef un importo pari al 19%, per i mutui stipulati dopo il 1° gennaio 1992, ai sensi dell’art. 15, co. 1, lett. b), D.P.R. 917/1986 :

  • degli interessi passivi;
  • degli oneri accessori (esempio l’onorario del notaio per la stipulazione del solo contratto di mutuo ipotecario, spese di perizia, spese tributarie, le spese di istruttoria del mutuo, spese di mediazione).

La detrazione deve essere fruita nell’anno in cui gli stessi sono stati sostenuti, secondo il cosiddetto criterio di cassa.
E’ possibile usufruire della detrazione per tutti gli acquirenti (anche della sola nuda proprietà), a patto che siano contraenti del mutuo ipotecario stipulato per l’acquisto.
Qualora il mutuo sia intestato a più soggetti, ciascuno di essi può usufruire della detrazione in proporzione alla propria quota.
Il beneficiario della detrazione deve comunque coincidere con il proprietario dell’unità immobiliare (C.M. 26.1.2001, n. 7).

Altra condizione che deve essere rispettata in merito alla detraibilità degli interessi è quella in cui il contribuente o – a partire dal 2001 – un suo familiare vi dimorino abitualmente.
I familiari presi in considerazione sono:

  • coniuge, anche separato, ma non divorziato;
  • parenti entro il terzo grado;
  • affini entro il secondo grado.

La dimora abituale coincide solitamente con la residenza anagrafica.

Per i mutui stipulati dal 1993 l’importo massimo di spesa su cui applicare la detrazione del 19% è pari, dall’1.1.2008, ad 4.000,00 € all’anno.
La detrazione massima ammonta dunque a 760,00 € per periodo d’imposta.

Le condizioni

Le condizioni che permettono la detraibilità sono:

1) l’immobile acquistato va adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto;
2) l’acquisto dell’immobile deve avvenire entro un anno antecedente o successivo alla stipula del contratto di mutuo ipotecario (termine elevato da sei mesi ad un anno dall’1.1.2001);
3) l’acquisto deve essere finanziato attraverso un contratto di mutuo ipotecario stipulato ai sensi dell’art. 1813 c.c.
4) il mutuo deve essere garantito da ipoteca immobiliare sull’immobile oggetto di acquisizione ovvero su un altro immobile anche di proprietà di terzi;
5) il soggetto mutuante deve essere residente in Italia o in uno degli Stati aderenti all’Unione europea, ovvero avere una stabile organizzazione in Italia.

Le detrazioni da interessi passivi nel regime dei minimi

Come abbiamo esaminato le detrazioni derivanti dalle spese per interessi passivi sono ordinariamente scomputabili dall’imposta lorda.
Quest’ultima deve essere attinente al reddito di lavoro dipendente conseguito dal contribuente.
La circostanza che egli sia titolare anche di reddito professionale conseguito in regime fiscale di vantaggio (ex minimi) non costituisce una preclusione alla spettanza dell’evidenziato beneficio.
In sintesi il minimo fino a capienza della relativa imposta a debito, caratterizzata dal conseguimento di redditi occasionali o assimilati a quelli di lavoro dipendente, può usufruire le detrazioni d’imposta.

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply