Irpef irap ed imposta sostitutiva nel regime dei minimi

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Irpef irap ed imposta sostitutiva nel regime dei minimi

irpef irap ed imposta sostitutiva nel regime dei minimi

Devo pagare irpef ed irap regime minimi?

Ti stai chiedendo se, facendo parte del regime dei minimi, sei tenuto a pagare l’ Irpef e l’ Irap?
In questo articolo risponderemo alla tua domanda!
Innanzitutto, il regime dei minimi è un regime fiscale agevolato che prevede l’esclusione per il contribuente rispetto a diversi adempimenti, vediamo quali.

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

Agevolazioni per il contribuente

Fortunatamente adottando questo regime, il contribuente non è soggetto al pagamento dell’Irpef né tantomeno dell’ Irap nelle modalità ordinarie.
Questo perché il pagamento di queste imposte è compreso nell’imposta sostitutiva pari al 5%.
Un bel vantaggio per chi deve avviare una attività o per i giovani che si affacciano per la prima volta nel mondo imprenditoriale.

Cosa ti permette l’imposta sostitutiva

In dettaglio il pagamento dell’imposta sostitutiva pari al 5% ti permette di:

  • non pagare l’ Irpef nella modalità ordinaria;
  • non pagare l’ Irap nella modalità ordinaria;
  • non elaborare gli studi di settore;
  • non presentare la dichiarazione e la comunicazione annuale Iva;
  • non effettuare la liquidazione e versamento Iva;
  • non compilare lo spesometro;
  • non compilare la blacklist;
  • evitare ogni registrazione fatture acquisto e vendita.

I requisiti del regime dei minimi

Ti ricordiamo però che per continuare ad usufruire di queste agevolazioni offerte ai contribuenti minimi, è necessario rispettare dei requisiti.
Dal momento in cui cessa anche solo uno di questi requisiti il contribuente è costretto a fuoriuscire dai minimi.
Ecco quali sono:

  1. non aver svolto nei tre anni precedenti all’inizio dell’ attività, nessuna attività artistica professionale o d’impresa né in forma familiare né associata;
  2. l’ attività svolta non deve costituire in nessun modo mera prosecuzione di attività precedentemente svolta anche sotto forma di lavoro dipendente.

Limiti per rimanere nel regime

I limiti da non superare per restare all’interno del regime dei minimi sono:

  • il limite del fatturato, nell’arco dell’ anno solare che non deve essere superiore a 30.000 €;
  • il totale dell’ acquisto di beni strumentali in un triennio non deve superare i 15.000 €;
  • non possono essere effettuate cessioni all’esportazione.

Rispettando i requisiti e non superando i limiti sopra descritti è possibile adottare il regime dei minimi e continuare a godere dell’imposta sostitutiva nonché ad usufruire di importanti esoneri contabili.

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply