Licenziamenti disciplinari per gli statali

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > Diritto e Lavoro > Licenziamenti disciplinari per gli statali

licenziamenti disciplinari per gli statali

E’ entrato in vigore il decreto che prevede nuove regole per i dipendenti statali. Il governo ha approvato il dieci luglio 2017, il decreto correttivo alla riforma Madia.
Stiamo parlando dei licenziamenti disciplinari per gli statali, vediamo insieme gli aspetti più importanti di questo decreto.

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Il consiglio dei ministri ha approvato, in data 10 luglio 2017,  il decreto che integrando quanto disposto dalla riforma Madia, stabilisce regole certe per gli statali.
Da oggi quindi, i dipendenti statali definiti i furbetti dal cartellino, avranno senza ombra di dubbio vita dura.

Attraverso le regole stabilite sul licenziamento disciplinare, il dipendente statale che dopo aver timbrato il cartellino si allontanerà dal posto di lavoro e sarà sorpreso, potrà essere licenziato entro i 30 giorni.

Grazie a questo decreto, sarà più semplice per la pubblica amministrazione, procedere al licenziamento in modo decisamente più rapido.

Via libera al decreto sul licenziamento disciplinare

Vediamo quindi di ricapitolare brevemente, le nuove procedure che riguardano i licenziamenti disciplinari per i dipendenti pubblici.

Se il dipendente, timbra il cartellino e poi si allontana dal posto di lavoro per sbrigare faccende private, come fare acquisti, andare dal barbiere o qualsiasi altra cosa, e viene scoperto, può essere sospeso entro 48 ore. In questo caso, scatta la procedura disciplinare e viene sospeso anche lo stipendio però resta un assegno per gli alimenti.

Dal momento in cui il soggetto viene messo al corrente della procedura disciplinare, ha 15 giorni a disposizione per preparare la sua difesa.
Ovviamente, scatta anche la denuncia alla procura regionale della Corte dei Conti che dovrà essere notificata entro 20 giorni.

Dopo 30 giorni, per il dipendente scatta il licenziamento.
Addirittura, potrà essere multato dallo Stato danni di immagine, ed in questo caso è prevista anche una sanzione molto salata.

Staff regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata