Pagamento in contanti regime semplificato

[Voti: 2 Media voto: 5]

pagamento in contanti regime semplificato

Un nostro lettore Marco di Livorno ci chiede maggiori informazioni in merito a pagamento in contanti regime semplificato.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Pagamento in contanti regime semplificato

Ciao staff regimeminimi. Ho visto il vostro servizio l’esperto risponde e ne approfitto per farvi subito la classica domanda che ogni anno chiedo al mio consulente senza ricevere una risposta chiara. Sono un contribuente in regime semplificato, possono pagare i miei fornitori in contanti? Il mio consulente mi dice che potrei ma è meglio di no. Ma cosa significa?

Grazie

Marco – Livorno

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta a Marco

Gentile Marco, la normativa antiriciclaggio ad oggi vigente consente di effettuare transazioni finanziarie fino ad euro 3.000,00 in denaro contante, pertanto non vediamo il motivo per cui non dovrebbe essere concesso il pagamento di fattura entro tale importo con denaro contante e tale fatto non costituire a tutti gli effetti la prova del pagamento anche ai fini delle imposte dirette.

Nel caso di transazioni poste in essere con strumenti di pagamento diversi dal denaro contante, al fine di individuare il momento in cui i ricavi e i proventi si considerano percepiti e le spese sostenute, si ritengono applicabili i chiarimenti resi in merito all’individuazione del momento di rilevanza fiscale dei compensi “percepiti e le spese “sostenute” nell’ambito dei redditi di lavoro autonomo.

In tal senso si è espressa anche la circolare AdE del 13 aprile 2017 secondo la quale:

  •  per gli assegni bancari o circolari i ricavi si considerano percepiti e le spese sostenute nel momento in cui avviene la materiale consegna dell’assegno dall’emittente al ricevente (cifra RM 138/E del 2009 CM 38/E del 2010);
  • per i bonifici i ricavi si considerano percepiti quando la somma di denaro può essere effettivamente utilizzata (alla cd. “data disponibile”);
  • per le spese si considerano sostenute quando la somma di denaro è uscita dalla disponibilità dell’imprenditore;
  • per la carta di credito/debito I ricavi si considerano percepiti e le spese sostenute nel momento in cui avviene l’utilizzo della carta RM 77/E del 2007

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply