Partita Iva come si apre e quanto costa

[Voti: 13 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Partita Iva come si apre e quanto costa

partita iva come si apre e quanto costa

Oggi trattiamo un argomento di fondamentale importanza se hai deciso di iniziare una nuova attività.
Se vuoi intraprendere una carriera come professionista, oppure avviare un impresa artigianale o commerciale il primo passo è aprire una partita Iva.

L’articolo di oggi, dedicato alla partita Iva come si apre e quanto costa, cerca di venire in contro alle tante richieste di chiarimento che ci arrivano quotidianamente dai lettori del nostro blog.

La nostra struttura si occupa di gestione di servizi contabili e fiscali e siamo intermediari abilitati per l’invio telematico delle dichiarazioni dei redditi. Maggiori informazioni sul nostro team e su cosa facciamo puoi trovarli alla pagina dedicata.

Come prima cosa, se vuoi aprire la partita Iva è conoscere l’inquadramento corretto ed il relativo codice Ateco associato al tipo di attività.

Per svolgere l’attività come libero professionista puoi anche provvedere in autonomia per le pratiche necessarie.
Nel caso di attività artigianali e commerciali, la pratica di iscrizione alla camera di commercio deve essere fatta attraverso un intermediario abilitato come la nostra società.

Partita Iva come si apre e quanto costa

Se hai deciso di aprire la partita Iva ed avviare la tua attività, abbiamo diverse soluzioni per aiutarti.

I nostri pacchetti Go, sono ottimizzati per darti tutto il necessario per la gestione fiscale della tua attività ad un prezzo contenuto con la garanzia di essere seguiti da commercialisti iscritti all’Ordine professionale.

Ogni pacchetto comprende la gestione della contabilità per il 2019 e comprende anche l’apertura della partita Iva senza costi aggiuntivi. Clicca sul link di tuo interesse per maggiori informazioni.

Apri la tua partita Iva gratis adesso con il servizio Go
Go Professionisti Gratis – architetti, geometri, periti, infermieri, ingegneri, consulenti, freelancer
Go Artigiani Gratis – elettricisti, idraulici, webdesigner e webmaster, falegnami, estetiste e parrucchiere
Go Commercianti Gratis – negozi fisici ed ecommerce

Se invece vuoi soltanto aprire la partita Iva, senza usufruire della gestione della contabilità sono disponibili i seguenti servizi:

Tipologia servizio Prezzo
Apri partita Iva professionista 50 € + Iva – una tantum
Apri partita Iva artigiano 200 € + Iva – una tantum
Apri partita Iva commerciante 229 € + Iva – una tantum
Apri una startup innovativa 500 € + Iva – una tantum

Tutti i prezzi comprendono le spese vive per i bolli ed i diritti di segreteria da versare alla CCIAA.
Puoi pagare come preferisci, Bonifico, Carta di Credito, Paypal, Satispay.

Come ti aiutiamo

Nella fase di start-up, ti assistiamo con la nostra consulenza a scegliere l’inquadramento migliore e ti  suggeriamo il regime fiscale più conveniente per le tue esigenze.
Vediamo in dettaglio in cosa consiste il nostro servizio per l’apertura della partita Iva.

Per il libero professionista

Ti indichiamo il codice ATECO più adatto per la tua attività, in base alle tue esigenze.
Se necessaria, ci occupiamo anche dell’iscrizione alla Gestione separata INPS, nei casi dove non esiste una Cassa Previdenziale ad hoc.

Per artigiani e commercianti

Nelle pratiche per l’apertura di una ditta individuale, sono comprese sia l’iscrizione in Camera di Commercio sia le comunicazioni di inizio attività verso il Comune.
Penseremo noi alla predisposizione della SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività, che deve essere trasmessa allo sportello SUAP del comune dove viene esercitata l’attività.

Se dovuta, effettueremo l’iscrizione all’INPS per la contribuzione da Artigiano o Commerciante e l’eventuale iscrizione all’INAIL.
In circa 10 giorni lavorativi, potrai avviare la tua attività senza fare nulla, penseremo a tutto noi.

Quando aprire una partita Iva

Innanzitutto, quando conviene aprire una partita Iva? E’ una domanda che ci sentiamo rivolgere spesso.
Non esiste un momento adatto o una regola generale per aprire una partita Iva.
Se accetti un consiglio, il momento perfetto per aprirla si verifica solo quando hai chiaro il tuo modello di business o ti si presenta una occasione di lavoro da cogliere al volo.

In questi caso, è inutile temporeggiare, rischiando che qualcuno realizzi il progetto al posto tuo.
Devi sapere, che la vita della tua partita Iva, sarà scandita da periodi d’imposta coincidenti con l’anno solare.
Significa che, se apri la partita Iva nel corso del 2019, per tale periodo d’imposta sarai chiamato ad assolvere alcuni adempimenti tributari entro il settembre 2020.

Come si apre una partita Iva

Vediamo quali sono i passi che devi prendere per aprire la partita Iva:

  1. devi classificarti correttamente con il codice di attività ATECO.
    Il codice Ateco è il codice che descrive succintamente la tua attività.
  2. devi compilare il modello AA9/12 se sei una impresa individuale oppure il modello AA7/10 se sei un soggetto diverso dalle persone fisiche.
    Andranno consegnati materialmente al front office dell’Agenzia delle Entrate;
  3. devi iscriverti alla CCIAA se sei un’impresa.
    L’iscrizione per un’impresa individuale viene fatta con il Modello I1, per un soggetto diverso dalle persone fisiche con Modello S5.
  4. devi curare attentamente l’inquadramento previdenziale, maggiori informazioni su questo punto le trovi nelle singole guide ai regimi fiscali.
  5. se aprirai attività come artigiano, devi iscriverti all’Inail.
    Anche qui operativamente, devi recarti all’ufficio competente per la tua provincia per ottenere la relativa modulistica;
  6. devi prendere la PEC (Posta Elettronica Certificata).

Se non sai cosa è il codice Ateco, non scoraggiarti.
E’ un codice che si articola in 5 livelli, con sei cifre fino a giungere al livello massimo di dettaglio comprendente 1.226 sottocategorie.
La struttura di classificazione è ad albero.

La classificazione è standardizzata a livello europeo fino alla quarta cifra, mentre le categorie e le sottocategorie possono differire tra i singoli Paesi per meglio cogliere le specificità nazionali.

Commercianti ed artigiani

Quando apri la partita Iva come commerciante, anche in caso di commercio online, dovrai pagare l’Inps alla Gestione Commercianti.
Se il tuo reddito (ricavi – costi) non arriva ad euro 15.878 € dovrai pagare un contributo obbligatorio annuo di euro 3.832,45 €.
In caso fosse più elevato di 15.878 , sul maggiore importo, dovrai pagare il 24,09%.

Quando apri la partita Iva come artigiano, dovrai pagare l’Inps alla Gestione Artigiani.
Se il tuo reddito (ricavi – costi) non arriva ad euro 15.548 € dovrai pagare un contributo obbligatorio annuo di euro 3.818,16 €.
In caso fosse più elevato di 15.548 €, sul maggiore importo, dovrai pagare il 24%.

E’ prevista una riduzione del 35% per coloro che hanno adottato il regime forfettario.

Professionisti

Se prendi la partita Iva dove non esiste la cassa previdenziale, devi iscriverti all’Inps in una Gestione separata.
Potrebbe essere il caso di, assistenti virtuali, freelance, webcontent tanto per citare tre attività.

Per l’anno 2017, i lavoratori autonomi titolari di partita Iva iscritti alla gestione separata Inps, vedranno applicata l’aliquota del 25,72% sui redditi.
Come puoi notare, con la gestione separata, non vi sono minimali.
Questo significa che che se prendi la partita Iva ed il tuo reddito sarà 1000 €, ai fini previdenziali, dovrai pagare 250 €.

Se appartieni alla gestione separata, hai il diritto ad applicare un quota di rivalsa sui tuoi committenti pari al 4%.
Facciamo un esempio per capire meglio.

Ogni volta che fatturi 100 € per un lavoro, procedi in questo modo:

100 € per il lavoro + 4% di rivalsa per gestione separata Inps.

Si, hai capito bene, diritto di rivalsa significa che oltre all’importo per la tua prestazione, hai diritto anche al 4% di Inps gestione separata.

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

Professionisti con cassa previdenziale

Se prendi la partita Iva come professionista dove esiste la cassa previdenziale ad hoc, geometra, ingegnere, architetto, perito industriale, avvocato ed altri, devi contattare immediatamente la tua cassa previdenziale e seguire le regole contributive da essa disciplinate.

Ogni cassa previdenziale ha proprie regole sia negli adempimenti iniziali che annuali.

Ma quali sono i costi?

Il costo di attivazione della partita Iva all’Agenzia delle Entrate è pari a zero.
Ugualmente gratuite sono tutte le comunicazioni riguardanti l’Inps, Casse previdenziali e Inail.
Non gratuito ma pur sempre nell’ordine di decine di euro sono i costi vivi per quanto riguarda l’attivazione della tua posizione alla CCIAA, la presentazione della SCIA al suap e l’iscrizione della tua posizione all’Albo artigiani

Obblighi fiscali da rispettare

Gli obblighi fiscali da rispettare cambiano a seconda del regime che hai scelto.
Consulta le nostre guide per capire a quale regime fiscale potresti appartenere.

Se hai dubbi sull’argomento, partita Iva come si apre e quanto costa, scrivi la tua domanda nei commenti.

Se sei interessato alle problematiche connesse all'Iva o un operatore del settore e cerchi un valido riferimento, ti consigliamo la lettura di questo testo.
Il libro, edito da Maggioli Editore, affronta gli argomenti, con un'esposizione ordinata, esaustiva e brillante. I temi affrontati sono corredati da commenti, analisi e presentano molti casi studio. Non mancano i riferimenti normativi molti chiari anche grazie all'uso di schemi e tabelle riepilogative, che alleggeriscono la lettura rendendola più agevole e comprensibile.
Veramente un ottimo testo che consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply