Partita iva inattiva

[Voti: 5 Media voto: 5]

partita iva inattiva

Una nostra lettrice Azzurra da Belluno ci chiede maggiori informazioni in merito a partita iva inattiva.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Partita iva inattiva

Buongiorno staff regimeminimi sono Azzurra da Belluno e vi espongo il mio problema.
Nel 2014 ho aperto la partita Iva perchè dovevo acquistare una una piccola bottega da artigiana.
Il mio commercialista di allora fece l’opzione per il regime dei minimi e contestualmente mi iscrisse in CCIAA con stato inattiva.

In realtà per miei impedimenti personali non aprii la bottega nell’immediato ma ho atteso l’effettivo passaggio fino al gennaio 2017.
Vi chiedo se posso ancora considerarmi un soggetto minimo oppure ho perso il requisito.
Leggendo frettolosamente il vostro blog mi sembra di capire che il regime dei minimi non esiste più, dovrei forse dichiarare di appartenere al regime forfettario?

Azzurra – Belluno

amazon prime dayAmazon Moda
sconti fino al 60% approfitta delle offerte!

Richiesta preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Hai bisogno di assistenza fiscale?

Vuoi aprire la partita IVA in regime forfettario? Hai domande su fisco e contabilità?
Invia la tua domanda al nostro servizio di consulenza online!

Servizio consulenze

La nostra risposta a Azzurra

Ciao Azzurra, grazie per la tua domanda relativa ad partita iva inattiva, vediamo di fare un pò di chiarezza su questo argomento.
Il regime dei minimi è stato introdotto dalla Legge Finanziaria del 2008 al fine introdurre un regime di partite Iva agevolato super semplificato.
Questo regime agevolato è esente da Irpef, Iva, Irap e studi di settore e sostituisce tutti i tributi menzionati con l’applicazione di una aliquota agevolata.

L’aliquota agevolata è stata molto apprezzata dagli operatori in quanto ha sostituito le aliquote ordinarie Irpef, aliquote che notoriamente soffrono di una elevata progressività Irpef.
Il regime dei minimi rappresenta quindi, un regime fiscale di partite Iva agevolate per quei contribuenti la cui attività d’impresa o professionale abbia determinati requisiti specifici.
Tuttavia l’apertura di nuove partite Iva in regime dei minimi è impedita dal 1° gennaio 2016.

Di conseguenza, chi intende aprire una partita Iva agevolata dal 1° gennaio 2016 avrà solo l’opzione del regime forfettario.
Ciò non toglie che chi aveva aperta la propria posizione precedentemente al 1° gennaio 2016 possa continuare ad adottare il vecchio regime dei minimi laddove abbia tutti i requisiti.

Dalle poche righe della tua domanda ci sembra di poter confermare che perlomeno il requisito temporale è in tuo possesso e che dunque, essendo nel quinquennio dall’apertura della posizione Iva, puoi rimanere anche nel 2017 nel regime dei minimi.
Una volta trascorso il primo quinquennio in possesso della partita Iva potrai ugualmente continuare ad adottare il regime dei minimi se la tua età anagrafica sarà inferiore ai 35 anni.

Eventualmente per approfondimenti o se hai ulteriori domande ricontattaci.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.