Partita iva per corsi di formazione

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > L'esperto risponde > Partita iva per corsi di formazione

Partita iva per corsi di formazione

Un nostro lettore Mario, ci ha inviato una richiesta chiedendo informazioni sulla apertura della partita iva per corsi di formazione.
Se hai domande relative a questo argomento, puoi inserire un commento alla fine della pagina.
Per chiarimenti su altri argomenti, richiedi una consulenza gratuita ai nostri esperti oppure se preferisci la forma riservata acquista una consulenza standard o prioritaria a seconda delle tue esigenze.

Partita Iva per corsi di formazione

Salve sono Mario, sono un dipendente part time tempo determinato ma comunque il contratto sarà rinnovato (non è questo il mio dubbio).
Ho bisogno di aprirmi la partita iva per effetture corsi di formazione, nello specifico di rianimazione cardiopolonare e di primo soccorso, le mie domande sono:

  1. se non fatturo devo pagare comunque qualcosa, contributi etc…?
  2. rientro nel regime dei minimi?
  3. gestione separata INPS? cos’è?

Grazie

Mario

amazon prime dayAmazon Moda
sconti fino al 60% approfitta delle offerte!

Richiesta preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Hai bisogno di assistenza fiscale?

Vuoi aprire la partita IVA in regime forfettario? Hai domande su fisco e contabilità?
Invia la tua domanda al nostro servizio di consulenza online!

Servizio consulenze

La nostra risposta a Mario

Buonasera Mario, grazie per la tua domanda sulla apertura della partita iva per corsi di formazione.
Ti rispondiamo all’interno della nostra rubrica l’esperto risponde perché ci era impossibile evadere la tua richiesta all’interno dei commenti.

A nostro parere aprire una partita Iva per svolgere corsi di formazione, richiede l’iscrizione come impresa individuale al Registro Imprese della camera di commercio.
Di conseguenza con l’iscrizione al Registro Imprese è necessario versare i contributi fissi INPS.
Questi contributi dovranno essere versati con cadenza trimestrale.

L’ammontare annuale è di circa 2400€, se si richiede la riduzione del 35% prevista dal regime forfettario, altrimenti ammonterebbero a circa 3600€.

Per rispondere alla tua prima domanda “se non fatturo devo pagare comunque qualcosa?”, se non fatturi niente oltre a pagare il consulente per la dichiarazione dei redditi, dovrai pagare i contributi INPS trimestrali e il diritto camerale annuale.

Potrai decidere di applicare il regime forfettario, e non più il regime dei minimi in quanto è stato abrogato dal 1 Gennaio 2016.
Con il regime forfettario potrai avere un’imposta sostitutiva (tasse) al 5% per i primi 5 anni, se rispetti i seguenti requisiti:

  • non aver esercitato, nei tre anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività non deve costituire una prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo;
  • laddove si abbia proseguimento di un’attività esercitata l’ammontare dei ricavi/compensi del periodo d’imposta precedente non deve essere superiore ai limiti previsti dalla tabella codici ATECO.

Superati i 5 anni, l’imposta passerà al 15%.
Per maggiori chiarimenti sul regime forfettario, ti consigliamo di visitare il nostro blog e dare un’occhiata ai nostri articoli.

Arriviamo alla tua ultima domanda:

Che cos’è la gestione separata INPS?

Sinteticamente ti diciamo che la Gestione separata INPS è la cassa di previdenza per i liberi professionisti che non appartengono ad un Ordine o ad un Albo.
Permette di pagare i contributi in percentuale in base ai redditi effettivamente incassati.
Per il 2017 l’aliquota ordinaria è del 25,72%.

Come detto all’inizio di questo contributo però, l’attività di corsi di formazione a nostro parere non può essere svolta con un inquadramento da libero professionista.
Anche se come eccezione possiamo considerare il caso di un libero professionista che come attività marginale e secondaria, rispetto alla sua professione, svolge talvolta anche dei corsi di formazione.
In questo caso, se i corsi di formazione sono attinenti alla sua professione, non sarà necessario aprire uan posizione in camera di commercio.

Cordiali saluti

Lo Staff di regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.