Prestazioni occasionali e regime forfettario

[Voti: 12 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Prestazioni occasionali e regime forfettario

prestazioni occasionali e regime forfettario

Sei interessato all’adozione del regime forfettario ma svolgi prestazioni occasionali?
Sappiamo bene che in questi ultimi anni, soprattutto le generazioni più giovani, ricorrono sempre più spesso in lavoretti che i tecnici chiamano prestazioni occasionali.
Ma cosa succede quando, in costanza di questi lavoretti vogliamo tentare la strada di un percorso imprenditoriale?
Vediamo se queste possono precludere l’accesso al regime forfettario.

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

Le prestazioni occasionali precludono il forfettario?

Fortunatamente la risposta è positiva per tutti i contribuenti!
In quanto lo svolgimento di lavori occasionali non blocca in nessun modo l’adesione al forfettario.
Non costituiscono inoltre mera prosecuzione di un’attività in quanto sono considerati lavoro precario.
L’aspetto fondamentale rimane quindi il possesso dei requisiti necessari per l’adesione e la mancanza di cause di esclusione dallo stesso.

Che cosa si intende con prestazione occasionale

Ti facciamo presente inoltre, che in base all’ articolo 2222 del Codice Civile, per prestazione occasionale si intendono quelle attività che vengono effettuate da soggetti impegnati a svolgere un’ opera o un lavoro in proprio sotto corrispettivo, senza nessuna forma di coordinazione o di subordinazione col committente della stessa.

 

prestazioni occasionali e regime forfettario requisiti

 

Che cosa si intende per redditi occasionali?

È importante ricordare che, per essere considerato un reddito da prestazione occasionale, si devono rispettare 4 aspetti:

  • la collaborazione con uno stesso committente non può superare i 30 giorni in uno stesso anno;
  • il totale dei ricavi percepiti non può superare i 5.000 € in uno stesso anno;
  • non deve essere considerata un’attività professionale;
  • non deve essere intesa come attività coordinata.

In mancanza di uno di questi aspetti, l’ attività svolta non viene più considerata prestazione occasionale, ma si parla di prestazione a progetto o professionale.

Disciplina fiscale per le prestazioni occasionali

Tutti coloro che svolgono una prestazione occasionale, sono tenuti ad emettere una ricevuta di pagamento.
Nel nel caso questa superi i 77.47 €, si dovrà applicare una marca da bollo del valore di 2 €.
É quindi fondamentale analizzare la propria situazione di lavoratore che effettua prestazioni occasionali e, di conseguenza, determinare la possibilità di adesione o meno al regime forfettario.

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. Avatar Carlo 28 Novembre 2018
    • Sysadmin Staff 29 Novembre 2018

Leave a Reply