Programmi affiliazione nel regime minimi

[Voti: 2 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Programmi affiliazione nel regime minimi

programmi affiliazione nel regime dei minimi

Nella nostra attività quotidiana di assistenza a coloro che sono nel regime dei minimi, ci imbattiamo spesso in giovani che offrono servizi a società di paesi extraeuropei.
La casistica è molto ampia e prossimamente affronteremo questo tema anche per quanto riguarda gli altri regimi fiscali.

Oggi ci concentriamo sui programmi di affiliazione nel regime minimi perché vogliamo soddisfare la richiesta di alcuni nostri clienti che ci hanno chiesto informazioni al riguardo.
Inoltre con i nuovi modelli di business on-line, è frequente imbattersi in servizi a soggetti extraeuropei, come ad esempio alcuni Network di affiliazione.

Si pensi a tutti i titolari di siti web che monetizzano con banner pubblicitari o link testuali a vari prodotti i loro blog.
Com’è noto, quasi tutti i maggiori network di affiliazioni, sono operatori extracomunitari.

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

Cosa sono dunque i programmi di affiliazione?

Prima di chiarire gli aspetti tributari chiediamoci che cosa sono i programmi di affiliazione.
Sono accordi sul web che vengono stretti fra affiliati ed affilianti.
L’accordo consiste nel dare la possibilità all’affiliato di proporre delle campagne presenti all’interno del circuito dell’affiliante.
Tutto questo avviene all’interno del blog o di un sito web.
Di conseguenza l’affiliato guadagna una commissione per i risultati ottenuti.

Vediamo quali sono i soggetti che intervengono in un programma di affiliazione:

  • l’affiliato.
    E’ il proprietario di un blog o sito web registrato al network.
    Sceglie quale campagna pubblicizzare, dove inserirla, come inserirla, con quale tipo di banner o text link;
  • l’affiliante.
    E’ il network di affiliazione che fa matching fra gli affiliati e gli sponsor;
  • gli sponsor o in gergo Merchant.
    Sono le aziende che richiedono la pubblicità attraverso i circuiti di affiliazione.

I merchant pagano l’affiliato solo se questo procurerà l’azione desiderata come ad esempio una vendita oppure un lead.

Chi è nel regime dei minimi può fatturare a network di affiliazione extreuropei

Immediatamente però sorge un dubbio sotto l’aspetto tributario.
Il contribuente in questione rischia di uscire dal regime dei minimi?
In materia occorre dire che, le partite Iva italiane che espletano servizi a soggetti extracomunitari, non escono dal regime dei minimi.

Se una prestazione si considera effettuata in Italia, essa non configura in alcun modo una cessione all’esportazione od operazione assimilata. (ex articolo 8 del Dpr 633/1972.)
Anche se la prestazione di servizi non è soggetta a Iva per carenza del requisito della territorialità, la soluzione è la stessa.

L’agenzia delle Entrate con la circolare 13/E del 26 febbraio 2008 (risposta 1.12) è intervenuta in merito al problema trattato.
Secondo quanto detto, “l’effettuazione di prestazioni per le quali non sussiste ai fini dell’Iva il requisito della territorialità, non precludono al contribuente l’accesso al regime dei minimi”.

La disposizione dell’articolo 1, comma 96, della legge finanziaria per il 2008, infatti, preclude l’accesso al regime ai soggetti che abbiano effettuato cessioni all’esportazione.
Ovvero, secondo quanto precisato dal Dm del 2 gennaio 2008, le operazioni di cui agli articoli 8, 8-bis, 9, 71 e 72 del Dpr 633 del 1972.

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. ALBERTO ZEPPILLI 11 Gennaio 2019
    • Staff 14 Gennaio 2019

Leave a Reply