Regime forfettario e lavoro dipendente: sono compatibili?

[Voti: 7 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime forfettario e lavoro dipendente: sono compatibili?

 

Regime forfettario e lavoro dipendente: sono compatibili?

Spesso ci arrivano richieste da voi lettori che contengono domande di questo genere: posso adottare adottare il regime forfettario se sono un lavoratore dipendente?
Il regime forfettario e lavoro dipendente: sono compatibili?
Come sai dal primo gennaio 2019 il regime forfettario ha subito notevoli modifiche.

Nel contributo di oggi, vediamo alcuni aspetti fondamentali che legano il regime forfettario e lavoro dipendente.
Come sempre, ti invitiamo a porci le tue domande all’interno di un commento che trovi in fondo a questa pagina.

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

Il regime forfettario e lavoro dipendente

Il nuovo regime forfettario, può essere adottato da tutti colo che non sorpassano la soglia di ricavi e di  compensi pari ad 65.000 euro.
Questo, indipendentemente dall’attività esercitata e se per caso ne svolgi più in contemporanea, ai fini dell’applicazione del forfettario, il limite di 65.000 euro è riferito alla somma dei ricavi e dei compensi derivanti dalle diverse attività esercitate.

Rispondiamo adesso al quesito iniziale, il regime forfettario e lavoro dipendente: sono compatibili?:

Si, se sei lavoratore dipendente puoi aprire una partita Iva e adottare il regime forfettario con delle limitazioni che adesso ti precisiamo.
La lettera d-bis) del comma 57, dispone che non possono avvalersi del regime forfettario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.

Per quanto detto sopra, puoi dunque dimenticare la vecchia normativa che non consentiva di avvalersi del regime forfettario ai soggetti che nell’anno precedente avessero percepito reddito di lavoro dipendente per importi superiori  a 30.000 euro.
Ti ricordiamo che questo limite era in vigore fino al 31 dicembre del 2018.

Limitazioni sul datore di lavoro

La norma ci indica che l’attività, non deve essere esercitata prevalentemente nei confronti del datore di lavoro.
Indaghiamo adesso, cosa significa che il regime forfettario non può essere adottato da colui che esercita un’attività prevalentemente nei confronti dell’attuale datore di lavoro o con datori di lavori avuto nei due precedenti periodi d’imposta.

Per quanto riguarda il periodo temporale dei due precedenti periodi d’imposta, questo deve essere letto nel seguente modo:

se apri la tua attività nel regime forfettario nel 2019 e fatturi prevalentemente o esclusivamente la tua attività nei confronti dell’ex datore di lavoro con il quale il rapporto è cessato anteriormente al 1° gennaio 2017, tale circostanza non rappresenta una causa ostativa all’applicazione del regime forfettario.

I parametri di riferimento per il calcolo della prevalenza sono i ricavi conseguiti e i compensi percepiti nei confronti dei datori di lavoro.
La circolare 9/E dell’AdE in merito precisa che il requisito della prevalenza andrà inteso in senso assoluto ossia i soggetti riconducibili al datore di lavoro siano in ogni caso superiore al 50%.

Quando si applica la causa ostativa

I datori o gli ex-datori di lavoro a cui non è possibile fatturare con prevalenza, sono tutti coloro nei confronti dei quali il soggetto ha percepito reddito di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, con alcune precisazioni.

In particolare la causa ostativa non si applicherà per tutti i pensionati i quali, benché’ percipienti di redditi di lavoro dipendente, hanno subito il pensionamento come obbligatorio ai termini di legge.

La causa ostativa si applicherà invece nei casi di interruzione del rapporto di lavoro (ad esempio licenziamenti, dimissioni) e di prosecuzione con l’ex datori di lavoro ovvero con soggetti direttamente o indirettamente a esso riconducibili dell’esercizio prevalente dell’attività di impresa o di lavoro autonomo, usufruendo del regime forfettario.

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. Avatar TIZIANA CANGINI 6 Giugno 2019
    • Sysadmin Staff 7 Giugno 2019

Leave a Reply