Smart working dipendente pubblico

[Voti: 2 Media voto: 5]

smart working dipendente pubblico

Un nostro lettore Graziano di Cremona ci chiede maggiori informazioni in merito a smart working dipendente pubblico.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Smart working dipendente pubblico

Ho trovato la vostra rubrica tramite un motore di ricerca. Sono Graziano un dipendente della regione Lombardia.
In questi ultimi anni ha sentito parlare molto di smart working e traggo la conclusione che con tale termine si individuino future tipologie di lavoro che non siano ancorate fisicamente ad una scrivania.

Non capisco bene se quando si parla di smart working si faccia riferimento esclusivamente alle esperienze di lavoro dipendente nel privato oppure si possa prevederne una applicazione anche nel pubblico impiego?

Altra domanda che mi sorge spontanea, la retribuzione sarà la medesima oppure proprio in quanto lavoratori agevolati saranno meno pagati rispetto a coloro che fisicamente vanno in ufficio ogni giorno?

Grazie per le vostre risposte

Graziano – Cremona

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta a Graziano

Ciao Stefano , grazie per la tua domanda relativa a smart working dipendente pubblico.
Molto spesso quando si tratta l’argomento dello smart working si menzionano aziende all’avanguardia tecnologica ma dimentichiamo che un ambito molto interessante di applicazione potrà essere il pubblico impiego.

Vediamo insieme quale è il quadro normativo.
Le singole amministrazioni possono stabilire quali settori possono applicare il lavoro agile, ma in ogni caso quest’ultimo non può comunque coinvolgere più del 10% dei dipendenti.
Questa è la direttiva tra Regioni ed enti locali in Conferenza Unificata.

In tema di smart working applicato al pubblico impiego occorre tenere alta l’attenzione anche sull’applicabilità delle norme contemplato nel Jobs act degli autonomi.
Uno dei passaggi chiave è che chi aderisce allo smart working non può essere penalizzato nè in termini economici nè in fatto di prospettive di carriera.

Ovviamente trattandosi di pubblica amministrazione andranno applicati particolari accorgimenti per quanto riguarda i controlli circa l’operatività del lavoratore.
Per il momento, vista la fase di studio e di startup, la pubblica amministrazione sta studiando un disciplinare nel quale si individuano delle fasce di reperibilità e tutto ciò non può che sorprendere.

Risulta in effetti chiaro che i lavori che possono essere svolti da casa sono quelli che sono oggettivamente misurabili dai risultati e non dalla mera presenza fisica.
Altra questione, puramente di politica italiana, è capire se lo smart working finisca per essere utilizzato per coloro che hanno oggettive difficoltà di movimento.

Non è un caso che fonti sindacali hanno tracciato uno schema di lavoro dal quale emergono criteri di priorità dove si prediligono i dipendenti che si trovano in situazioni di svantaggio personale, sociale e familiare, oltre a quelli impegnati in attività di volontariato.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Approfondimenti sui temi trattati

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo l'acquisto di questo libro. Il costo è di soli 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro.

Se finalmente hai deciso di aprire una startup innovativa, o vuoi avere una serie di spunti per creare un nuovo lavoro, ti segnaliamo alcuni libri veramente interessanti e pieni di spunti ed idee.

Startup digitali & PMI innovative, analizza la situazione degli imprenditori in Italia, 8 su 10 falliscono entro i primi 18 mesi. Il libro analizza le differenze tra chi riesce e chi fallisce, ed aiuta manager e imprenditori a vincere.
Raccoglie tecniche, strategie, case history di chi ha fatto successo. Gli autori, imprenditori di se stessi hanno una esperienza ventennale ed hanno inserito le loro conoscenze e competenze. Consigliato.

Startup. Sogna, credici, realizza. Dall'idea al successo è scritto da quattro giornalisti che ogni giorno si confrontano con queste tematiche, è una guida essenziale per chi vuole creare una startup. I dieci capitoli del libro, sono veramente interessanti e contiene le interviste esclusive ai founder di startup mondiali, da Airbnb a Candy Crush.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply