Spese di formazione regime dei minimi - regimeminimmi

Spese di formazione regime dei minimi

[Voti: 5 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Spese di formazione regime dei minimi

spese di formazione regime minimi

Vediamo in che misura sono deducibili le spese di formazione nel regime dei minimi.

Durante lo svolgimento della nostra attività sia professionale sia imprenditoriale ci troviamo di fronte ad una necessità che oggi è indispensabile prendere in considerazione per qualsiasi tipo di attività. Di cosa stiamo parlando? L’argomento che trattiamo oggi è relativo alle spese di formazione.

Soprattutto per i giovani che hanno iniziato da poco la formazione risulta indispensabile per restare aggiornati su questioni e problematiche inerenti l’esercizio della propria attività.
In questo breve contributo ci soffermiamo ad analizzare le spese di formazione regime dei minimi o anche per rispondere alle domande di alcuni nostri clienti che ci hanno chiesto delucidazioni in merito a questa questione.

RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI

Devi presentare la dichiarazione dei redditi 2019?
I nostri prezzi partono da 169 €!
Contattaci su Whatsapp o invia una richiesta email.
Il nostro commerciale ti richiama per cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Contattaci per un preventivo

Spese di formazione regime dei minimi

Il D.P.R. n. 137/2012, l’art. 7,  ha stabilito l’obbligo di formazione continua per tutti i professionisti che esercitano un’attività per la quale sia necessaria l’iscrizione ad un Ordine o Collegio.

Prima di affrontare la questione riguardante i contribuenti minimi è necessario esaminare la normativa fiscale vigente per i contribuenti ordinari. Per tutti coloro che si trovano in questo regime fiscale le spese legate alla partecipazione ai corsi di aggiornamento, convegni e master universitari sono deducibili al 50% ai sensi del comma 5, art.54 del Testo unico.

Si segnala che non sono andate in porto le proposte di modifica all’articolo 54 che aumentavano la deducibilità al 100% fino ad un massimo di 10.000 euro.

Per i contribuenti nel regime dei minimi secondo la linea di concetto riportata dalla circolare 7/E del 28 gennaio 2008, paragrafo 5.1, non trovano applicazione le regole seguite dal TUIR, quindi per il regime dei minimi tutte quelle spese strettamente inerenti la propria attività, fra cui quelle per la formazione e la partecipazione ai convegni sono deducibili al 100%.

Inoltre anche le spese per i viaggi, vitto e soggiorno, se è possibile dimostrare che sono per l’attività lavorativa, saranno completamente deducibili.

Il regime dei minimi ex articolo 27 del Dl 98/2011  è stato sostituito dal nuovo regime forfettario.
Chi faceva già parte dei minimi entro la data del 31 dicembre 2015 può ancora oggi decidere se continuare ad applicarlo fino al raggiungimento del quinquennio dall’inizio attività o fino al raggiungimento del 35° anno di età.

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Amazon Echo Show


La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa!

 

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply

Avviso: pubblichiamo solo commenti attinenti al titolo della pagina, che ne arricchiscano il contenuto e non siano riferiti a situazioni personali ma di carattere generale. Per consulenze su situazioni personali usa il servizio di assistenza a pagamento, trovi il link al servizio nel menù principale del sito.