Vendita auto regime minimi: costi e plusvalenze

[Voti: 5 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Vendita auto regime minimi: costi e plusvalenze

vendita auto regime minimi costi e plusvalenze

La cessione dell’auto per coloro che adottano il regime dei minimi ha sempre provocato dibattiti e prese di posizione non omogenee tra i fiscalisti.
Cerchiamo di fare chiarezza.

La circolare nr. 73e del 2007 interveniva sulle regole per la determinazione del reddito dei contribuenti minimi.
Il comma 104 stabilisce come è costituito il reddito di impresa o di lavoro autonomo, dei soggetti che rientrano nel regime in esame.
Lo stesso risulta essere pari alla differenza tra due importi.
Ovvero tra l’ammontare dei ricavi o compensi e quello delle spese sostenute.
Entrambi si riferiscono al periodo d’imposta in esame e nell’esercizio dell’attività d’impresa o dell’arte o della professione.
Concorrono altresì alla formazione del reddito le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’impresa o all’esercizio dell’arte o professione.

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Le plusvalenza nel regime dei minimi

Secondo il principio di cassa, il costo sostenuto per l’acquisto di beni strumentali concorre alla formazione del reddito.
E si riferisce al periodo d’imposta in cui è avvenuto il pagamento.
Quindi, la plusvalenza sarà pari all’intero corrispettivo di cessione.
Ovviamente, dovrà essere realizzata per la cessione di un bene strumentale acquistato nel periodo di vigenza del regime .
Le plusvalenze per cessione di beni strumentali concorrono integralmente alla formazione del reddito.
Ti ricordiamo che deve essere riferita al periodo d’imposta in cui è percepito il corrispettivo.

In caso di cessione di beni strumentali acquistati in periodi precedenti rispetto a quello dal quale decorre il regime dei minimi?
L’eventuale plusvalenza o minusvalenza è determinata diversamente.
Infatti viene calcolata sulla base della differenza tra il corrispettivo conseguito e il costo non ammortizzato.
(Ai sensi degli articolo 86 e 101 del Tuir.)
Per costo non ammortizzato si intende il valore risultante alla fine dell’esercizio precedente a quello dal quale decorre il regime.

La vendita dell’auto per il contribuente nel regime dei minimi

Dicevamo all’inizio che la disciplina fiscale della vendita dell’auto, quale bene strumentale, per il contribuente minimo è atto gestorio che non trova concordi i fiscalisti.
I problemi di lettura fiscale di questo atto, sorgono perché nel regime dei minimi non esiste una disposizione analoga all’articolo 164 del Tuir.
La quale consente la riduzione della percentuale di imponibilità della plusvalenza realizzata, nell’ipotesi in cui la rivendita riguardi un bene il cui costo è stato dedotto in misura parziale all’atto dell’acquisto.
Si può ritenere che anche il plusvalore tassato in sede di alienazione di tale bene debba rilevare nella medesima percentuale ridotta. (50% nel caso dell’auto a uso promiscuo)

Un saluto – Team regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.