Aprire ecommerce regime forfettario

[Voti: 7 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Aprire ecommerce regime forfettario

aprire ecommerce regime forfettario

Una nostra lettrice Manuela di Roma ci chiede maggiori informazioni su come aprire ecommerce regime forfettario.
Se hai domande relative a questo argomento, ti invitiamo a lasciare un commento in fondo alla pagina.

Aprire ecommerce regime forfettario

Salve sono Manuela, e da tempo sto coltivando l’idea di aprire un’attività e-commerce dove vendere lingerie.
Vi chiedo gentilmente di risolvere alcuni dubbi di natura fiscale. Il modello di business è tradizionale:
acquisterò la merce e la stoccherò fisicamente in un magazzino e una volta ricevuto l’ordine di acquisto la spedirò a destinazione.
E’ possibile usufruire del regime forfettario per l’attività di e-commerce?
Mi fate un esempio di quanto andrò a spendere in tasse?

Manuela – Roma

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta a Manuela

Ciao Manuela, rispondiamo con piacere alla tua domanda su come aprire ecommerce regime forfettario.
Molti giovani imprenditori stanno concentrando le loro idee in attività e-commerce.
Con questa espressione inglese ci si riferisce semplicemente al commercio elettronico, che prevede la compravendita di beni e servizi tramite Internet.

Il successo di questa modalità di commercio è sicuramente la facilità con la quale si può confrontare più negozi e prodotti contemporaneamente.
In questo modo, sarà il cliente a scegliere quelli più adatti e convenienti per le sue esigenze.
L’e-commerce permette al venditore di avere un contatto molto più diretto ed immediato con i propri clienti.

Inoltre consente di ridurre notevolmente i prezzi da sostenere per la pubblicità e per la commercializzazione dei prodotti.
I vantaggi però sono anche dei clienti, in quanto possono scegliere direttamente da casa i prodotti da comprare.

Vediamo adesso gli aspetti fiscali più importanti per aprire un ecommerce in regime forfettario.

Aprire ecommerce regime forfettario: gli adempimenti

Se hai deciso di aprire un negozio online, devi sapere che ci sono vari adempimenti da rispettare:

  • apertura della partita Iva;
  • segnalazione d’inizio attività allo sportello SUAP del comune di riferimento (SCIA);
  • iscrizione Camera di Commercio territorialmente competente;
  • eventuale iscrizione INPS commercianti;
  • pagamento diritto camerale di 53 € tramite F24 entro 30 giorni dalla comunicazione di iscrizione alla CCIAA.

Puoi procedere in autonomia, ma tieni presente che alcune di queste pratiche, possono rivelarsi particolarmente complesse.

Per questo motivo, abbiamo approntato un servizio online dedicato all’apertura della partita Iva che comprende tutti gli adempimenti sopraindicati ed i diritti camerali.
Se vuoi risparmiare, puoi acquistare il pacchetto Go Commercianti, che prevede anche la gestione completa della contabilità.

Il regime forfettario per ecommerce

La prima cosa da considerare è che per mantenere il regime forfettario, i ricavi non potranno superare i 65.000 € annui.
Questo limite è stato alzato dalla Legge di Stabilità 2018, in quanto la Legge del 2016, lo stabiliva a 50.000€.
Sarà poi determinato il reddito imponibile moltiplicando i ricavi per il coefficiente di redditività.

Per questa attività, il coefficiente di redditività è pari al 40%.
L’imposta sostitutiva applicata è del 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano determinati requisiti.
Nel caso, non si posseggono i suddetti requisiti, l’imposta applicata sarà del 15%.

Facciamo un esempio per chiarirti meglio le idee.
Ipotizziamo che il totale ricavi conseguiti nel 2019 sia 50.000€.
Come abbiamo accennato occorre applicare il coefficiente (40%).

Il reddito imponibile risulta essere:
50.000 € x40% = 20.000€

L’imposta sostitutiva, sarà:
20.000 € x5%  = 1.000€ (ricordati che dopo 5 anni scatta al 15%)

Inoltre, il regime forfettario, consente una serie di agevolazioni previste dalla Legge di stabilità:
esenzione dall’IVA, imposta sostitutiva del 15% (o 5% per i primi 5 anni), esenzione dall’ I.R.A.P., esenzione dalla tenuta di scritture contabili e non assoggettamento all’IVA per le operazioni attive.

I contributi INPS

Per quanto riguarda i contributi INPS, sarà necessario iscriversi alla gestione INPS commercianti.
Questo prevede il pagamento di una quota fissa annuale suddivisa in 4 rate trimestrali.
La quota annuale ordinaria, corrisponde a 3832,45 € da pagare in 4 rate trimestrali di 958,11€ .

Devi sapere che, applicando il regime forfettario, avrai la possibilità di richiedere la riduzione del 35% della quota ordinaria annuale.
Richiedendo questa riduzione il totale annuo da pagare sarà di 2498,68 € da pagare in 4 rate trimestrali di 624,67€ .

La richiesta di riduzione, deve essere presentata entro il 28 febbraio se la tua ditta è già attiva dall’anno precedente.
Se invece, si tratta di nuova attività, la richiesta di riduzione deve essere presentata quanto prima, dalla ricevuta di iscrizione alla gestione INPS commercianti.

Ricordiamo che le scadenze delle rate trimestrali sono:

  • 16 maggio 2019, relativo al primo trimestre 2019;
  • 20 agosto 2019, relativo al secondo trimestre 2019;
  • 18 novembre 2019, relativo al terzo trimestre 2019;
  • 17 febbraio 2020, relativo al quarto trimestre 2019;

Dipendente a tempo pieno

Se sei dipendente a tempo pieno, potrai godere dell’esenzione dal pagamento dei contributi INPS commercianti perché già coperto dalla posizione contributiva dal tuo datore di lavoro.

Dipendente part time

Per chi ha un lavoro part time, la richiesta di esenzione è subordinata al controllo dell’ufficio INPS territorialmente competente.
Si consiglia quantomeno, di avere un orario lavorativo non inferiore al 50%.

La fatturazione per ecommerce

Quando si effettua una vendita, devi sapere che non sei obbligato all’emissione della fattura, a meno che non sia espressamente richiesta dal cliente.
Per essere in regola, sarà necessario compilare quotidianamente, il registro dei corrispettivi, riportando all’interno, il totale degli incassi giornalieri.

Il registro dei corrispettivi è acquistabile anche in edicola o in cartoleria.
Qualora il cliente richiedesse la fattura, se applichi il regime forfettario, per importi superiori a 77,47 €, sulla fattura deve essere applicata una marca da bollo da 2€ acquistabile in una qualsiasi tabaccheria. Ricordati che la marca da bollo, deve avere una data uguale o antecedente alla data di emissione della fattura.

Il reverse Charge

Con il termine Reverse Charge, si intende un sistema di inversione contabile che riguarda l’applicazione dell’IVA.
La sua applicazione, permette di effettuare l’inversione contabile della imposta sul valore aggiunto, direttamente sul destinatario della cessione del bene o della prestazione di servizio, invece che sul cedente.

Iva sugli acquisti intracomunitari

Per l’acquisto di merci da un fornitore residente in uno stato membro dell’Unione Europea, di regola si dovrebbe ricevere la fattura del fornitore, in Reverse Charge cioè con con l’assenza di Iva.
Nel regime forfettario, questo non dovrebbe accadere, perché l’obbligo del pagamento dell’Iva in Reverse Charge, scatta solamente dopo il superamento della soglia di 10.000€ di acquisti intracomunitari su due anni solari.

Quindi, fino a quando non viene superato questo limite, il fornitore emette fattura aggiungendo l’Iva del proprio paese come avviene in una vendita verso un soggetto privato.
Una volta superata la soglia di 10.000€ di acquisti intracomunitari, è obbligatoria l’iscrizione al VIES (il registro delle partite Iva comunitarie).
Difatti, oltre questa soglia, le fatture del fornitore saranno emesse senza Iva, applicando il Reverse Charge.

A questo punto l’Iva dovrà essere versata in Italia dall’acquirente tramite F24 entro il 16 del mese successivo alla data in cui è stata completata l’operazione.
In pratica, questa eccezione che riguarda il regime forfettario non è semplice da applicare.
I fornitori stranieri, non sempre conoscono questa procedura e spesso risulta difficile spiegare la normativa italiana sul regime forfettario.

In questi casi non rimane altro che ricevere la fattura in esenzione Iva anche se non è stato superato il limite dei 10.000€ di acquisti.

Un saluto dallo Staff

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply