Aprire partita Iva per fatturare

[Voti: 4 Media voto: 5]

aprire partita Iva per fatturare

Ogni giorno ci arrivano domande che abbracciano molti argomenti, sia dai nostri clienti ma soprattutto dai lettori del blog interessati ai vari temi.
A giudicare dalla quantità di richieste l’apertura di una attività è sicuramente uno dei più gettonati.
Uno dei casi più ricorrenti, vede come protagonista una persona fisica non munita di partita Iva che svolge attività occasionali per un committente.

Un nostro lettore che si trova in questa situazione, ci ha dato lo spunto per scrivere questo articolo in modo da chiarire gli aspetti più rilevanti in questi casi.

Claudio, il nostro lettore, vorrebbe aprire partita Iva per fatturare al vecchio committente, ma il dubbio che lo assaliva era:
è una operazione consentita? Posso farlo? Vediamo di rispondere a questa domanda, analizzando alcuni scenari possibili,

Partita Iva gratis con il servizio Go!

Apri la partita Iva gratis con Go, hai la tenuta della contabilità per il 2018, l'invio Unico 2019 ed altri adempimenti. Clicca qui per vedere l'offerta

Redditi 2017 - Unico 2018 a 269 €!

Compiliamo, conserviamo digitalmente ed inviamo la tua dichiarazione redditi 2017 predisponendo tutti gli F24 a solo 269 € in regime minimi o forfettario, inclusi i contributi previdenziali.

Uno sguardo al regime dei minimi

E’ noto che la legge n. 190/2014, ha abrogato i vecchi regimi agevolativi sino a quel momento esistenti, in primo luogo il regime dei minimi.
In realtà nel 2015 è stato ancora possibile aprire una posizione Iva adottando il regime dei minimi.

Al contrario, dal 2016 l’unico regime agevolato rimane per chi decide di aprire la partita Iva il nuovo regime forfettario.
Il regime fiscale dei minimi non è comunque morto ma si applica limitatamente ai contribuenti che già se ne avvalevano alla data del 31.12.2014, ossia fino alla sua scadenza naturale.
In parole povere, un quinquennio o il compimento del trentacinquesimo anno di età.

Aprire partita Iva per fatturare: il regime forfettario

Abbiamo visto cosa prevede il vecchio regime dei minimi, veniamo adesso al nuovo regime forfettario.
In base alle nuove regole, al fine di favorire l’avvio di nuove attività, per il periodo d’imposta in cui l’attività è iniziata e per i quattro successivi l’aliquota del 15% è ridotta al 5%.

Questa riduzione è possibile se vengono rispettate le seguenti condizioni:

  • il contribuente non deve aver esercitato, nei tre anni precedenti l’inizio dell’attività, attività artistica, professionale ovvero d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.
    E’ escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni;
  • qualora venga proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non sia superiore ai limiti di cui si è detto in precedenza.

A differenza del regime dei minimi, il principio di mera prosecuzione di attività non è più elemento preclusivo per l’appartenenza al regime forfettario.
E’ soltanto un parametro discriminante per l’applicazione di un’aliquota ridotta.

Proseguiamo, la nostra analisi sull’argomento aprire partita Iva per fatturare, dando uno sguardo alla precisazione dell’A.d.E.

La precisazione dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che la riduzione dell’imposta sostitutiva al 5% può essere applicata, ma ad una condizione.
In sostanza l’attività da esercitare non deve costituire, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.
E’ escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini nell’esercizio di arti o professioni.

La stessa circolare, ha confermato che i suddetti requisiti sono analoghi a quelli previsti dall’articolo 27 del D.L. n. 98 del 2011 per l’accesso al regime di vantaggio.
(circolare n. 17/E del 2012, paragrafi da 2.2.1 a 2.2.3.)

In particolar modo valgono tutte le considerazioni già svolte con riguardo ai precedenti regimi.
Questo significa che la prosecuzione dell’attività deve essere valutata sotto il profilo sostanziale e non formale.

La circolare continua, dicendo che è indispensabile valutare se la nuova attività si rivolge alla medesima clientela e necessita delle stesse competenze lavorative.
Ciò significa che ci sarà continuità quando il contribuente sceglierà di esercitare la medesima attività, svolta recentemente come lavoratore dipendente rivolgendosi allo stesso mercato di riferimento.

Prosecuzione attività

La prosecuzione dell’attività è rilevata anche quando la cessazione del rapporto di lavoro avviene per cause indipendenti dalla volontà del dipendente, in quanto la norma in esame non specifica agevolazioni per i lavoratori in mobilità.

Nel tempo l’Agenzia delle Entrate aveva già chiarito che la continuità non sussiste quando la nuova attività o il mercato di riferimento sono diversi.
La prosecuzione inoltre non è rilevata quando il lavoro da dipendente è regolato con contratti precari.
Alcuni esempi di contratti precari sono: a tempo determinato, di collaborazione coordinata o a progetto per un periodo di tempo non superiore alla metà del triennio.

Gli argomenti correlati ad aprire partita Iva per fatturare, sono veramente tanti ed abbracciano svariate situazioni.
Se desideri una consulenza su come aprire partita Iva per fatturare, puoi richiederci una consulenza gratuita, oppure se preferisci anche in forma privata.

Se vuoi ulteriori informazioni sul regime forfettario, leggi la nostra guida al regime forfettario.

In Evidenza

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Risparmia con il regime forfettario

Il regime forfettario, se applicabile ti permette di risparmiare sulle tasse!
Apri la tua Partita Iva Gratis adesso con il nostro servizio.
Contabilità, dichiarazione, previdenza da 269 € + Iva all'anno.
Consulta il nostro listino dei prezzi e scegli il servizio per le tue esigenze.

Richiedi una consulenza

Vuoi sapere se puoi adottare il regime forfettario?
Hai una domanda su un altro argomento?
Chiedi una consulenza, ad un nostro esperto con il servizio dedicato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Aprire partita Iva per fatturare ultima modifica: 2017-08-03T20:00:21+00:00 da Staff

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema o inserire un quesito semplice e breve, ti rispondiamo appena possibile. Per richiedere una consulenza e per risposte veloci utilizza il servizio di assistenza.