Calcolo tasse Regime dei Minimi: gli acconti

[Voti: 81 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Calcolo tasse Regime dei Minimi: gli acconti

calcolo tasse regime dei minimi

Calcolo delle tasse nel Regime dei Minimi: gli acconti

Nel calcolo delle tasse nel regime dei minimi, per i contribuenti non è da sottovalutare l’incidenza degli acconti, specialmente nel primo anno di attività dove di fatto raddoppiano l’imposta sostitutiva.

Il 30 Novembre scade il termine per il versamento del 2° acconto di imposta sostitutiva.
Vediamo di cosa si tratta, come viene calcolato e i casi di esclusione.
Nel computo del calcolo tasse nel regime dei minimi, la normativa italiana prevede oltre al pagamento del saldo dell’IRPEF, maturato sul periodo d’imposta, anche il versamento di un acconto IRPEF sul periodo di imposta successivo.

L’acconto dell’imposta solitamente viene versato in due rate.
Le classiche scadenze per il versamento degli acconti sono:
il primo si versa insieme al saldo in sede di dichiarazione dei redditi, che per il 2019 è al 30 Giugno o al 20 Agosto con la maggiorazione dello 0,40%.
La seconda rata delle tasse scade invece il 30 Novembre.

Se cerchi come calcolare le tasse nel nuovo regime forfettario puoi leggere questo articolo.

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

Calcolo delle tasse nel Regime dei Minimi: un esempio

Per questo esempio, consideriamo un reddito netto scaturito dall’Unico 2019 di 10.000 € (rigo LM 10).
Il saldo imposta sostitutiva sarà 10.000 € x 5%= 500 €.

Il primo acconto è pari al 40% del saldo, quindi 500 x 40%= 220 €.
Il secondo acconto con scadenza al 30 Novembre 2019 è pari invece al 60% del saldo, ovvero 500 x 60%= 330 €.

31.12.2018
Reddito netto 10.000 € [Totale fatturato – costi deducibili]
30.06.2019
Saldo imposta sostitutiva 500 € [10.000 x 5%=500 €]
1° acconto imposta sostitutiva 200 € [500 x 40%= 200 €]
30.11.2019
2° acconto imposta sostitutiva 300 € [500 x 60%=300 €]

ATTENZIONE: ANCHE PER QUANTO RIGUARDA LA GESTIONE SEPARATA E’ PREVISTO IL VERSAMENTO A SALDO E ACCONTO, MA AD ENTRAMBE LE SCADENZE SI VERSERA’ IL 40% DEL SALDO.

30.06.2019
Reddito netto 10.000 €
Saldo Gestione separata 2018 2.572 € [10.000 x 25,72%]
1° Acconto Gestione separata 1.028,80 € [2.572 x 40%= 1.028,80 €]

30.11.2019

2° acconto gestione separata 1.028,80 € [2.572 x 40%= 1.028,80 €]

N.B: a differenza della prima scadenza, gli importi del 30 Novembre non sono rateizzabili e devono essere versati in un’unica soluzione.
Di conseguenza in caso di ritardo del pagamento sarà necessario il calcolo del ravvedimento operoso.

Calcolo delle tasse nel Regime dei Minimi: casi particolari

Di seguito un elenco in cui trovate i casi particolari nel versamento degli acconti:

  • quando il  valore dell’acconto è inferiore ai 52 € il versamento non è dovuto
  • se il valore dell’acconto è compreso tra 52 € e 257,52 € il versamento è dovuto in un’unica soluzione al 30 Novembre.

Anche per il Regime Forfettario il versamento dell’imposta sostitutiva è previsto nelle solite modalità di saldo e acconto.

Calcolo delle tasse nel Regime dei Minimi: i versamenti saldo ed acconto

Per versare l’imposta sostitutiva è necessario compilare il modello F24 da versare in banca o alla posta con i seguenti codici tributo:

  • Saldo, scadenza 30 Giugno, codice tributo 1995 (riferimento anno precedente)
  • 1° acconto, scadenza 30 Giugno, codice tributo 1993 (riferimento anno corrente)
  • 2° acconto, scadenza 30 Novembre, codice tributo 1994 (riferimento anno corrente)

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. Avatar Filippo Malizia 23 Gennaio 2018

Leave a Reply