Cessioni e acquisti intracomunitari - regimeminimi.com

Cessioni e acquisti intracomunitari

[Voti: 1 Media voto: 5]

cessioni ed acquisti intracomunitari

Cessioni ed acquisti intracomunitari come comportarsi

Oggi parliamo di come comportarsi con le cessioni ed acquisti intracomunitari quando siamo nel regime dei minimi.
Per quanto riguarda gli acquisti sia di beni che di servizi deve essere considerata come base normativa la circolare 35/E del 2010.
Attenzione che il regime dei minimi non è il regime forfettario.

Entrambi sono regimi agevolati ma presentano differenze sostanziali.
Maggiori informazioni le trovi sul nostro blog.

Acquisti di beni intracomunitari

L’operatore minimo italiano che effettua un acquisto intracomunitario di beni integra la fattura ricevuta dal cedente estero con l’indicazione dell’aliquota e dell’imposta, non esercita il diritto a detrazione e compila l’elenco riepilogativo degli acquisti intracomunitari (INTRASTAT).

RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI

Devi presentare la dichiarazione dei redditi 2019?
I nostri prezzi partono da 169 €!
Contattaci su Whatsapp o invia una richiesta email.
Il nostro commerciale ti richiama per cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Contattaci per un preventivo

Acquisti di servizi intracomunitari

L’operatore minimo italiano che effettua acquisti di servizi presso un soggetto passivo d’imposta di altro Stato membro, può applicare gli stessi principi previsti per gli acquisti intracomunitari di beni.

Pertanto, si deve integrare la fattura ricevuta dal cedente estero con l’indicazione dell’aliquota e dell’imposta, non esercitando il diritto alla detrazione ma compilando l’elenco riepilogativo dei servizi ricevuti.

Cessioni di beni intracomunitari

Per quanto riguarda le cessioni di beni intracomunitari la norma prevede che il contribuente minimo non esercita un’operazione intracomunitaria ma nazionale.
Quindi non è necessaria l’applicazione dell’Iva in fattura, riportando la dicitura del regime dei minimi.
Non trattandosi di operazione intracomunitaria non sarà necessaria la presentazione dell’elenco INTRASTAT e l’iscrizione al VIES.

Prestazioni di servizi intracomunitari

Infine per quanto riguarda le prestazioni di servizi rese ad operatori intracomunitari, secondo l’aggiornamento del 28 Agosto 2015 si seguono le normative indicate nella Circolare 75E/2015.
Nella circolare viene indicato che le operazioni dovranno essere considerate intracomunitarie, ovvero effettuate secondo il regime di reverse charge.
Quindi è necessaria l’iscrizione al Vies e la presentazione dell’elenco INTRASTAT.

(vedi anche Territorialità IVA: la nuova disciplina per i contribuenti minimi)

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Amazon Echo Show


La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa!

 

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply

Avviso: pubblichiamo solo commenti attinenti al titolo della pagina, che ne arricchiscano il contenuto e non siano riferiti a situazioni personali ma di carattere generale. Per consulenze su situazioni personali usa il servizio di assistenza a pagamento, trovi il link al servizio nel menù principale del sito.