Coadiuvante e regime forfettario

[Voti: 3 Media voto: 5]
coadiuvante e regime forfettario

Coadiuvante e regime forfettario si può?

Innanzitutto grazie a Carlo nostro affezionato cliente che con le sue domande ci ha dato lo spunto per scrivere questo articolo.
Sei anche tu sei un imprenditore che vuole aderire al regime forfettario ed hai un familiare coadiuvante a carico la prima cosa che ti chiederai è possibile?
Si anche tu puoi aderire al regime forfettario.
Vediamo però di comprendere bene chi è un coadiuvante per non cadere in errore.

Diventa nostro cliente

Realizza il tuo progetto ed apri la tua attività con i nostri servizi!
Apri una Startup innovativa o una Partita Iva da 50 €

Passa con noi e risparmia sul commercialista, gestione contabilità, dichiarazione redditi, è tutto compreso!
Forfettari e Minimi 199 € Semplificati da 180 €  il listino completo ...

Chi è un coadiuvante?

Un coadiuvante è colui che collabora con un familiare che svolge un’attività in conto proprio, senza avere un rapporto di lavoro regolato da un contratto.
Non dimenticare che siamo sempre nell’ambito di un’impresa individuale e che quindi la quota massima di reddito che è possibile destinare ai coadiuvanti è del 49%.

Facciamo un esempio per capire meglio.
Poniamo il caso di un imprenditore individuale che ha come coadiuvanti i suoi due figli.
In questo caso può destinare loro fino al 49% del proprio reddito (ossia il 24,5% per ciascuno).

Coadiuvanti riconosciuti

Se un imprenditore si trova ad avere un coadiuvante familiare, deve considerare che sono riconosciuti tali:

  • coniuge;
  • figli legittimi o adottivi;
  • fratelli e sorelle;
  • nipoti;
  • parenti fino al 3° grado di parentela.

Infine, ti ricordiamo che i coadiuvanti familiari devono essere iscritti all’INPS per fini pensionistici.

Due categorie di collaboratori familiari

Possiamo distinguere inoltre, due categorie di collaboratori familiari:

  1. familiari pensionati;
  2. familiari con altra occupazione.

Sia nel primo che nel secondo caso non sono dovuti i contributi INPS.
Nel primo caso i familiari pensionati, forniscono una prestazione cosiddetta di spirito solidaristico e quindi da non considerare ai fini INPS.
Nel secondo caso invece, la collaborazione fornita non è regolare perché il collaboratore familiare svolge a tempo pieno un’altra attività e quindi dà aiuto nella ditta soltanto in modo residuale.
Rispetto agli obblighi INAIL il quadro è diverso, in quanto diventa obbligatorio semplicemente dopo 10 giorni di collaborazione annui.

Nel caso di una ditta individuale?

Innanzitutto per ditta individuale si intende una forma semplice di impresa, forse la più semplice ed anche la più comoda per il titolare.
Infatti prevede minori adempimenti e minori spese burocratiche rispetto ad altre forme giuridiche.

Inoltre il titolare risponde delle attività svolte anche con il proprio patrimonio personale.
Viene definita individuale proprio perché l’imprenditore è l’unico responsabile della ditta per tutto ciò che questo comporta.
É anche la più semplice da costituire, perché si hanno meno questioni burocratiche da svolgere.

Basterà infatti aprire la propria partita IVA ed iscriversi entro 30 giorni al Registro delle Imprese della Camera di Commercio della provincia nella quale si trova la sede legale della propria ditta.

Infine la ditta individuale è la forma giuridica che permette una minore spesa iniziale ed è adatta per lo svolgimento di attività di piccole dimensioni.

Come essere in regola

Nel caso in cui si abbia un collaboratore familiare nella propria ditta individuale, sono necessarie delle considerazioni.
Non tutti i collaboratori devono versare contributi INPS, in quanto se le loro prestazioni sono occasionali e non regolari allora i contributi non sono dovuti.

Ovviamente questo sarà da verificarsi caso per caso.

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Il tuo consulente personale

Se hai già una attività avviata o vuoi aprirne una, scegli il nostro servizio.
Avrai un consulente personale al tuo fianco che si occuperà degli adempimenti fiscali e della tua contabilità per tutta la durata del contratto.
Per maggiori informazioni contattaci o parla in chat con un nostro operatore.

Se hai bisogno di una consulenza, scegli il servizio più adatto alle tue esigenze:
Standard 23,99 € + Iva - rispondiamo in forma privata entro 3 giorni lavorativi.
Prioritaria 33,99 € + Iva - rispondiamo in forma privata entro 1 giorno lavorativo.
Gratuita - rispondiamo pubblicamente sulle pagine del nostro blog.

Coadiuvante e regime forfettario ultima modifica: 2016-11-28T20:44:38+00:00 da Staff

4 Comments

  1. ioana 13 ottobre 2017
    • Staff 13 ottobre 2017
      • Ioana 13 ottobre 2017
        • Staff 16 ottobre 2017

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, o premendo sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Cookies policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi