Condominio e contratto d'appalto - www.regimeminimi.com

Condominio contratti d’appalto

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Condominio contratti d’appaltocondominio e contratto d'appalto

Sei un amministratore di un condominio? Ti interessa conoscere gli aspetti essenziali che riguardano la gestione condominiale?
Sul nostro blog periodicamente affrontiamo anche temi che coinvolgono argomenti sul condominio e sui bonus previsti dalle varie Leggi e Decreti.
Nell’articolo di oggi ci occupiamo di condominio e contratti d’appalto, analizzando in modo particolare come l’amministratore deve operare le ritenute fiscali in presenza di contratto di appalto. Come di consueto se hai necessità di chiarimenti sui punti trattati scrivi un commento alla fine dell’articolo e ti risponderemo appena possibile.

 RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI
Vuoi aprire la partita IVA gratis o cambiare commercialista? Contattaci ti aiutiamo a cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Guarda il listino prezzi

Caterina, servizio clienti
Caterina

La normativa vigente

La normativa che ha disciplinato l’argomento è l’art. 1, comma 43, L. 27/12/2006, n. 296 la quale ha introdotto l’art. 25-ter, D.P.R. n. 600/1973.
E’ stato disposto l’obbligo, a decorrere dal 01/01/2007, per il condominio di operare una ritenuta del 4% anche sui corrispettivi dovuti in relazione a:

  • prestazioni convenute nei contratti di appalto di opere o servizi nell’esercizio di impresa;
  • attività commerciali non abituali ex art. 67 comma 1, lett. I,TUIR.

La ritenuta fiscale sui contratti di appalto

Veniamo al cuore del nostro contributo condominio e contratti d’appalto, occupiamoci quindi della ritenuta fiscale.
La norma sull’applicazione della ritenuta fiscali dei contratti di appalto ha creato ovviamente subito molto malumore soprattutto per i suoi dubbi operativi.
Per rimediare al caos dei primo giorni del 2007 l’Ade ha emesso la circolare AdE07/02/2007 nr. 7/E, che rappresenta il punto di riferimento principale sull’argomento.

Il primo dubbio operativo che la circolare tratta è il rapporto tra i contratto di appalto ed i contratti d’opera.
L’obbligo della ritenuta è esteso anche alle prestazioni derivanti da contratti d’opera, infatti la circolare dice:

“nei contratti che comportano l’assunzione, nei confronti del committente, di un’obbligazione avente ad oggetto la realizzazione dietro corrispettivo, di un’opera o servizio, nonché l’assunzione diretta, da parte del prestatore d’opera, del rischio connesso con l’attività, svolta senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente.”

Dove si applica la ritenuta?

Rientrano pertanto nella normativa della ritenuta 4% le seguenti prestazioni o servizi:

  • interventi di manutenzione o ristrutturazione dell’edificio condominiale (murarie) e degli impianti elettrici o idraulici compresi i sistemi di sorveglianza e antenne;
  • imbiancature, opere da fabbro;
  • attività di pulizia, spurgo, manutenzione di caldaie, ascensori, giardini, piscine e altri parti comuni dell’edificio;
  • servizi di verifica degli impianti ascensore ed elettrico resi da imprese quali organismo notificato;
  • servizi di amministrazione condominiali prestati da un’impresa.

Sempre secondo la C.M. 07/02/2007,n. 7/E, la ritenuta del 4% non si applica ai seguenti corrispettivi:

  • se previsti in base a contratti diversi da quelli di opera. Alcuni esempi sono la somministrazione di energia, acqua, gas, assicurazione, deposito e molti altri;
  • somme erogate in dipendenza di forniture di beni con posa in opera nel caso in cui la posa assuma funzione accessoria rispetto alla cessione. (in tal senso anche C.M. 29/12/2006, n. 37/E);
  • quando corrisposti per prestazioni d’opera riconducibili a lavoro autonomo, anche occasionale che sono ssoggettati alla ritenuta d’acconto del 20%;
  • per prestazioni rese da persone fisiche in regime fiscale agevolato per le nuove iniziative imprenditoriali. Tale esonero è subordinato all’acquisizione di una apposita dichiarazione da parte dell’amministratore di condominio. Tramite questa gli interessati attestano di essere in un regime agevolato e che pertanto il loro reddito è soggetto ad imposta sostitutiva.

Un esempio di esenzione dalla ritenuta per i fornitori di beni con posa in opera

Ci stiamo occupando di condominio e contratti d’appalto, vediamo qualche esempio della ritenuta.
Il punto che suscita più difficoltà operativa è la distinzione che effettua la circolare menzionata tra corrispettivi corrisposti per prestazioni d’opera tout court e forniture di beni con posa in opera. Per questo secondo caso vi è l’esenzione dall’applicazione della ritenuta laddove la posa in opera assuma funzione accessoria rispetto alla cessione.
Riproponiamo in questo articolo esattamente l’esempio che è stato fornito dalla Circolare 7/E.

Il primo esempio che facciamo riguarda l’esenzione dalla ritenuta per fornitori di beni con posa in opera accessoria rispetto alla cessione.

Sostituzione di una maniglia

Costo complessivo previsto per la sostituzione di una maniglia = 450 €
Importo per la maniglia = 350 €
Manodopera = 100 €
Iva (10%) = 45 €

Importo da liquidare al fornitore = Costo della maniglia + Costo della manodopera + Iva = 350 € + 100 € + 45 € = 495 €
N.B.: in questo caso non viene applicata la ritenuta poiché il costo della manodopera (100 €) è inferiore al valore del bene (350 €).

Come si versa la ritenuta fiscale

Per concludere il contributo di oggi su condominio e contratti d’appalto, vediamo infine come si versa la ritenuta fiscale.
La ritenuta fiscale deve essere versata tramite il mod. F24, con le medesime scadenze per tutte le altre tipologie di ritenute.
Con la Ris. AdE05/02/2007, n. 19/E furono precisati i codici tributo:

  1. 1019 ritenuta 4% operata all’atto del pagamento da parte del condominio quale sostituto d’imposta a titolo di acconto IRPEF dovuto da percipiente;
  2. 1020 ritenuta 4% operata all’atto del pagamento da parte del condominio quale sostituto d’imposta a titolo di acconto dell’IRES dovuta dal percipiente.

Dal 1° Gennaio 2017 ci sono notevoli agevolazioni per il versamento delle ritenute fiscali operate, per scoprirle leggi l’articolo condominio e ritenuta fiscale.

Prenota Consulenza Gratuita

Se vuoi aprire la partita IVA o cambiare commercialista prenota una call telefonica con un nostro esperto per verificare se:

  • possiedi i requisiti per aderire al forfettario
  • se occorre partita IVA come professionista o ditta individuale
  • il funzionamento del nostro servizio

Per assistenza, simulazioni o su altre domande acquista il servizio di consulenza dedicata.
Se sei già abbonato al nostro servizio effettua il login e contatta il tuo consulente di riferimento dall’area riservata.

    Accetto i termini del servizio ed ho letto l'informativa sulla privacy

     

    Per offrire un servizio di alta qualità limitiamo il numero di nuovi clienti ogni mese. Se vuoi aprire in tempi rapidi la Partita IVA o cambiare commercialista invia la tua richiesta adesso per evitare possibili attese.

    Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

    Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
    Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
    E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

    Amazon Echo Show


    La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa
    Noi lo utilizziamo nei nostri uffici!

     

    Aiutaci a migliorare il servizio

    Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

    Inserisci un commento

    I commenti sono soggetti ad approvazione. Devono essere attinenti al tema della pagina e non devono contenere richieste di consulenza personale.