Costi nel Regime Forfettario coefficiente di redditività

[Voti: 10 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime forfettario > Costi nel Regime Forfettario coefficiente di redditività

Costi regime forfettario coefficiente redditività

Nel contributo di oggi, vediamo come calcolare i costi nel regime forfettario con il coefficiente di redditività.
Ti anticipiamo subito che questi sono determinati in base all’attività svolta, e vengono stabiliti da una tabella ministeriale.

Inoltre faremo alcuni esempi per capire meglio come vengono calcolati a seconda del gruppo di settore di appartenenza.
Nel caso avessi la necessità di approfondire gli aspetti generali sul regime forfettario, ti rimandiamo alla lettura della nostra guida al regime forfettario sempre su queste pagine.

Costi nel Regime Forfettario coefficiente di redditività

Il regime forfettario a differenza degli altri regimi fiscali calcola i costi dell’attività in modo completamente diverso.
Negli altri casi devono sommarsi gli importi detraibili calcolabili attraverso le fatture di acquisto di bene e servizi.

Questo avviene sia per il regime dei minimi sia per il semplificato ed ordinario.
In certi casi alcuni costi aziendali sono scaricabili anche fino al 100% a seconda del tipo di bene e di attività svolta.
A volte invece si parla di costi promiscui perché possono essere detratti al 50%.

Nel regime forfettario funziona tutto in modo completamente diverso.
A livello ministeriale sono state definite delle percentuali ben precise che si possono applicare al fatturato lordo percepito denominate appunto coefficienti di redditività.
La particolarità è che sono diverse a seconda della tipologia di attività svolta.

In questo modo non sarà più rilevante la somma dei costi effettivamente sostenuti perché questi saranno determinati in modo forfettario tramite i suddetti coefficienti.

Il tuo commercialista a 269€

Gestione contabilità 2019 + Dichiarazione + Conservazione digitale + Assistenza.
Regime Forfettario – Contabilità e dichiarazione 269€
Regime dei Minimi – Contabilità e dichiarazione 269€

Vuoi aprire la partita IVA?
Apri Gratis la partita Iva in regime forfettario!

La tabella con i coefficienti di redditività

Dal primo gennaio 2019, il limite di fatturato è stato innalzato a 65.000€ per tutte le attività.
I coefficienti di redditività sono riportati di seguito:

  • Industrie alimentari e delle bevande: 40%
  • Commercio all’ingrosso e dettaglio: 40%
  • Commercio ambulante di prodotti alimentari e 
    bevande: 40%
  • Commercio ambulante di altri prodotti: 54%
  • Costruzioni e attività immobiliari: 86%
  • Intermediari del commercio: 62%
  • Attività dei servizi di alloggio e ristorazione: 40%
  • Attività professionali, scientifiche, tecniche , sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi: 78%
  • Altre attività economiche: 67%

Calcolo dei costi forfettari

Per capire meglio come calcolare i costi in regime forfettario facciamo qualche esempio.
In tutti i casi dobbiamo individuare nella tabella precedente il  coefficiente di redditività in base al codice Ateco relativo alla propria attività.

Ad esempio un Geometra con codice ATECO 71.12.30 ha un coefficiente di redditività pari al 78% (Attività professionali, scientifiche, tecniche).
Un Avvocato con codice ATECO 69.10.10 ha anche lui un coefficiente di redditività pari al 78% (Attività professionali, scientifiche, tecniche).
Infine un disegnatore grafico di pagine web con codice Ateco 74.10.21 avrà lo stesso coefficiente pari 78% (Attività professionali, scientifiche, tecniche).

Per calcolare i costi nel regime forfettario dobbiamo prendere il fatturato lordo dal quale sono stati già decurtati gli eventuali contributi previdenziali dovuti alle rispettive casse di appartenenza o all’INPS in caso di gestione separata e moltiplicarlo per il coefficiente di redditività.

Nel nostro esempio ipotizziamo un reddito lordo del Geometra (Avvocato o Disegnatore) pari a 24.000 euro.
Moltiplichiamolo per il 78% (coeff. di redditività) e troviamo il reddito imponibile.
La differenza tra reddito lordo ed imponibile ci da i nostri costi forfettari.

24.000 € x 78% =  18.720 € reddito imponibile
24.000 € – 18.720 € = 5280 € costi forfettari

Osserva bene la tabella ed i calcoli di esempio che abbiamo fatto per te.
Noterai che più piccolo è il coefficiente di redditività maggiori saranno i costi forfettari detraibili dal reddito lordo.

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Fattura elettronica

Dal primo Gennaio 2019, entra in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica. I contribuenti in regime forfettario ed in regime dei minimi sono esonerati da tale obbligo. Se desideri maggiori informazioni leggi l’articolo regime forfettario e fattura elettronica.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Costi nel Regime Forfettario coefficiente di redditività ultima modifica: 2018-10-30T22:12:33+00:00 da Staff

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema o inserire un quesito semplice e breve, ti rispondiamo appena possibile. Per richiedere una consulenza e per risposte veloci utilizza il servizio di assistenza.