Regime semplificato e opzione

[Voti: 2 Media voto: 5]

regime semplificato e opzione

Un nostro lettore Vincenzo di Grosseto ci chiede maggiori informazioni in merito a regime semplificato e opzione.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Regime semplificato e opzione

Buonasera, mi chiamo Vincenzo da Grosseto e sono in regime di contabilità semplificata.
Ho letto l’Esperto Risponde in riferimento alla domanda di Maria di Rossano Calabro.
Sinceramente non ho capito: consigliate sempre l’adozione del registro incassi e pagamenti?
Aspetto un vostro riscontro

Vincenzo – Grosseto

Il tuo commercialista a 269€

Gestione contabilità 2019 + Dichiarazione + Conservazione digitale + Assistenza.
Regime Forfettario – Contabilità e dichiarazione 269€
Regime dei Minimi – Contabilità e dichiarazione 269€

Vuoi aprire la partita IVA?
Apri Gratis la partita Iva in regime forfettario!

La nostra risposta a Vincenzo

Ciao Vincenzo grazie per la tua domanda che ci offre la possibilità di chiarire la precedente risposta.
Rispondiamo subito: non è sempre necessario l’adozione del registro incassi e pagamenti per coloro che adottano il regime semplificato anzi, siamo sicuri, che tale istituzione è consigliati a pochi casi circoscritti.

Vediamo dunque quale soluzione può adottare colui che è nel regime di contabilità semplificata e che non presenta problemi di riconciliazione tra gestione economica e finanziaria.
Il comma 5 dell’articolo 18 del D.P.R. n. 600/1973 consente al contribuente, che ha scelto di utilizzare i soli registri IVA, di non effettuare a fine anno le annotazioni dei mancati incassi e pagamenti, esercitando una specifica opzione, vincolante per almeno un triennio, in base alla quale il ricavo si intende incassato e il pagamento effettuato alla data di registrazione del documento contabile.

L’opzione in commento, vincolante per il contribuente per almeno un triennio, si esercita secondo le regole generali stabilite dal DPR n. 442 del 1997, secondo cui l’opzione e la revoca di regimi di determinazione dell’imposta o di regimi contabili si desumono da comportamenti concludenti del contribuente o dalle modalità di tenuta delle scritture contabili.

Il contribuente è, tuttavia, tenuto a comunicare l’opzione nella prima dichiarazione annuale IVA da presentare successivamente alla scelta operata.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Fattura elettronica

Dal primo Gennaio 2019, entra in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica. I contribuenti in regime forfettario ed in regime dei minimi sono esonerati da tale obbligo. Se desideri maggiori informazioni leggi l’articolo regime forfettario e fattura elettronica.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Regime semplificato e opzione ultima modifica: 2017-04-18T00:49:52+02:00 da Staff

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema o inserire un quesito semplice e breve, ti rispondiamo appena possibile. Per richiedere una consulenza e per risposte veloci utilizza il servizio di assistenza.