Uscire dal regime minimi

[Voti: 9 Media voto: 5]
Home > L'esperto risponde > Uscire dal regime minimi

uscire dal regime minimi

La nostra lettrice Giulia di Piacenza ci chiede delucidazioni sul perché uscire dal regime minimi, visto che si trova in questa situazione.

Se anche tu ti trovi di fronte ad un problema di questo genere, ed hai dubbi in merito, puoi inserire un commento oppure richiedi assistenza online ai nostri esperti.

Uscire dal regime minimi

Buonasera, il mio commercialista mi ha comunicato che sono uscita dal regime dal regime dei minimi.
Il motivo è che ho raggiunto i 35 anni ed ho la partita Iva da 8 anni in regime dei minimi.

Vi chiedo secondo voi quale regime dovrei adottare.
Grazie in anticipo per la vostra risposta.

Giulia – Piacenza

amazon prime dayAmazon Moda
sconti fino al 60% approfitta delle offerte!

Richiesta preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Hai bisogno di assistenza fiscale?

Vuoi aprire la partita IVA in regime forfettario? Hai domande su fisco e contabilità?
Invia la tua domanda al nostro servizio di consulenza online!

Servizio consulenze

La nostra risposta a Giulia

Buonasera a te Giulia, grazie per la tua domanda perché uscire dal regime minimi.
La prima cosa che devi sapere, visto che ti è stato comunicata l’uscita dal regime dei minimi, è l’esistenza delle opzioni che hai a disposizione.

Sostanzialmente hai due strade da poter percorrere, adottare il regime forfettario o il regime semplificato.

Se scegli il regime forfettario devi verificare di possedere tutti i requisiti di accesso.
Se possiedi i requisiti richiesti, dal 1° gennaio puoi emettere fattura senza l’applicazione dell’Iva esattamente come hai fatto fino ad adesso nel regime dei minimi.

L’unica accortezza sarà quella di cambiare la dicitura dei riferimenti normativi.

In sede di dichiarazione dei redditi dovrà essere compilato il quadro LM secondo le modalità del nuovo regime.

I requisiti per il regime forfettario

Vediamo molto rapidamente i requisiti richiesti, ricordandoti che abbiamo trattato l’argomento anche in altri contributi sul blog.
Ad esempio puoi consultare la nostra guida al regime forfettario.

  • aver conseguito ricavi o compensi che non superano i limiti previsti dalla normativa;
  • aver sostenuto spese per collaboratori non superiori a 5.000 euro lordi;
  • non aver superato i 20.000 euro di costi lordi per ammortamento di beni strumentali.

Nel caso non rispettassi uno dei seguenti requisiti, saresti esclusa dal regime forfettario:

  • nell’anno precedente hai  percepito redditi da lavoro dipendente o assimilati un importo superiore a 30.000 €, eccetto nel caso di rapporto di lavoro precedente cessato;
  • ti avvali di regimi speciali IVA per la determinazione del reddito;
  • non risiedi sul territorio italiano, a meno che non produci  almeno il 75% del reddito in Italia;
  • come attività abituale effettui cessioni di fabbricati, terreni edificabili, mezzi di trasporto nuovi;
  • partecipi a società di persone, ad associazioni professionali o a società a responsabilità limitata aventi ristretta base proprietaria che hanno optato per la trasparenza fiscale.

Il regime semplificato

Se non rispetti i requisiti del regime forfettario, o per convenienza scegli il regime semplificato, dal 1° gennaio le tue fatture dovranno contenere l’applicazione dell’IVA e dovrai allinearti a tutti gli adempimenti del regime (come: liquidazione periodica IVA, spesometro, studi di settore, comunicazione IRAP, blacklist, dichiarazione IVA).

Ricorda che la scelta per il regime semplificato rimarrà valida per un triennio, quindi sarà possibile passare al forfettario solo dopo tre anni.

Nel caso del regime semplificato è necessario procedere con la rettifica della detrazione per tutti i beni ed i servizi acquisiti nel periodo nel quale rientravano nel regime nei minimi stesso.
Su questi infatti l’imposta non è stata detratta, ma sarà applicata al momento della loro vendita o del loro impiego in operazioni imponibili.

Insieme alla rettifica Iva è richiesta dal parte dell’Agenzia delle Entrate la presentazione di una documentazione che attesti le merci in giacenza, la quantità e i valori dei beni strumentali e i servizi non ancora utilizzati nel momento in cui i soggetti sono fuoriusciti dal regime dei minimi.

Siamo a tua disposizione per aiutarti nella scelta tramite il nostro servizio di assistenza, contattaci per ricevere un preventivo.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

One Response

  1. Avatar giulia 11 Aprile 2017

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.