Aprire partita Iva come youtuber

[Voti: 6 Media voto: 5]

aprire partita Iva come youtuber

Un nostro lettore Alessandro di Roma ci chiede maggiori informazioni in merito a aprire partita Iva come youtuber.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Aprire partita Iva come youtuber

Ciao regimeminimi, intanto complimenti, siete davvero forti. Sono uno youtuber e vi scrivo dalla provincia di Roma. Dalle entrate della pubblicità oramai ho un’entrata fissa decorosa di circa 2000 euro al mese.

Altri youtuber che conosco hanno aperto la partita Iva. Cosa mi consigliate di fare fare, devo aprire la partita Iva anche io?
Ci sono dei limiti sotto i quali non è necessario? Aspetto vostre notizie, magari poi dopo la risposta vi chiamo.

Grazie

Alessandro – Roma

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta ad Alessandro

Ciao Alessandro, grazie per la tua domanda su come aprire partita Iva come youtuber.
Iniziamo dicendo che oggi ormai lo youtuber professionista è una delle nuove professioni della web economy.
Molti sono i giovani che pubblicano i loro video dove commentano eventi ed esperienze della loro vita.

Questa figura professionale non è ovviamente disciplinata da alcuna norma tributaria e dunque non cercare una norma fiscale che tratti espressamente della tassazione e dei contributi da versare per i guadagni generati da attività di youtuber.
Se hai cominciato ad introitare delle somme di denaro per tua attività di youtuber devi risolvere subito il primo dilemma come nel tuo caso: aprire la partita Iva?

Bene la risposta è che finchè la tua attività ha i caratteri di attività occasionale puoi evitare di aprire una partita Iva se invece la tua attività assume i caratteri di stabilità diventa obbligatoria l’apertura della partita Iva.

Come hai intuito, non esiste dunque una fatidica soglia oltre la quale è obbligatoria l’apertura della partita Iva ma esiste soltanto il pressupposto soggettivo di abitualità e dunque di non occasionalità. Se devi aprire la partita Iva allora benvenuto nel mondo degli imprenditori.

Prendere la partita Iva non è difficile anche se, in questi casi, ti occorre un consulente che capisca il tuo modello di business e sappia quali sono le caratteristiche dell’attività dello youtuber.
Il nostro team, composto da esperti che conoscono molto bene le questioni fiscali legate al mondo degli youtuber, potrà aiutarti a darti le prime dritte ed i primi consigli.

Intanto vogliamo informarti che esiste un regime fiscale agevolativo, il regime forfettario, se i tuoi compensi non superano la soglia di euro 50.000,00.
La difficoltà di stare al passo con i tempi da parte degli uffici burocratici del nostro paese, come l’Agenzia delle Entrate e la Camera di Commercio, non facilita l’inquadramento di quest’attività che conosce varie interpretazioni.

Il nostro fermo parere è che si tratta puramente di un’attività imprenditoriale e quindi non da libero professionista / freelance.
In effetti se focalizziamo il modello di business degli youtuber ci rendiamo conto che questo è molto simile a coloro che svolgono attività di affiliate marketing e pertanto per connessione logica l’attività assume le vesti di attività commerciale.

Se hai bisogno di ulteriori delucidazioni chiamaci, magari dai anche un occhio alle risposte che abbiamo dato a Luca e Vincenzo, due tuoi colleghi che di recente ci hanno posto domande simili alla tua.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply