Commercialista per parrucchieri - regimeminimi.com

Commercialista per parrucchieri

[Voti: 55 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Commercialista per parrucchieri

commercialista per parrucchieri

Francesco e Stefania, due nostri lettori, hanno deciso di aprire un negozio di parrucchieri ma avendo molti dubbi ci hanno contattato per richiederci una consulenza.
Dalla piacevole chiacchierata, è nata l’idea di scrivere questo articolo che ci auguriamo possa esserti d’aiuto se ti trovi nella stessa situazione.

Quando si decide di aprire una nuova attività è importante considerare molti aspetti per evitare di incorrere in brutte sorprese.
Anche gli aspetti fiscali rivestono grande importanza ed avere un buon commercialista per parrucchieri è il primo step per cominciare con il piede giusto.
Lo scopo di questa guida è riassumere gli aspetti fiscali più importanti, da come aprire la partita Iva alla gestione della previdenza INPS.

Grazie al Regime Forfettario tra l’altro puoi anche risparmiare sulle tasse che ogni anno devi versare.
Se ancora non conosci il regime forfettario leggi la nostra guida al regime forfettario che abbiamo preparato per te.

Se i ricavi della tua Partita IVA non superano la soglia di 65.000 € puoi applicarlo alla tua attività.
Oltre ad una aliquota agevolata che ti fa pagare meno tasse, prevede molte semplificazioni ed una serie di agevolazioni che vediamo più avanti.
Se sei interessata mettiti comodamente seduta ed in pochi minuti scopri tutto sul regime forfettario e su come aprire l’attività, buona lettura.

 RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI
Vuoi aprire la partita IVA gratis o cambiare commercialista? Contattaci ti aiutiamo a cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Guarda il listino prezzi

Caterina, servizio clienti
Caterina

I requisiti professionali per aprire la partita Iva

Se vuoi iniziare l’attività vediamo cosa innanzitutto cosa ti occorre.
Innanzitutto dal nostro punto di vista devi considerare tre condizioni necessarie:

  1. passione per il mestiere;
  2. buona formazione;
  3. capacità di stare al pubblico.

Passando invece ad aspetti più tecnici, per poter svolgere questa attività, devi per prima cosa verificare se hai i requisiti di Legge ai sensi della Legge n. 174 del 17/08/2005.
I requisiti professionali richiesti per aprire una partita Iva come parrucchiere sono:

  • frequenza di un apposito corso di qualificazione della durata di 2 anni seguito da un corso di specializzazione.
    Ovvero un periodo di inserimento della durata di un anno presso un’impresa di acconciatore, da effettuarsi nell’arco di due anni e superamento di un apposito esame teorico-pratico.
  • titolarità di un esercizio di barbiere iscritto all’albo delle imprese artigiane e frequenza di un apposito corso di riqualificazione.
  • esperienza professionale conseguita presso imprese di acconciatura in qualità di dipendente qualificato, familiare collaboratore o socio partecipante al lavoro con un periodo lavorativo a tempo pieno di tre anni, da effettuare nell’arco di cinque anni, e dallo svolgimento di un apposito corso di formazione teorica

Il periodo di inserimento è ridotto ad un anno, da effettuare nell’arco di due anni, qualora sia preceduto da un rapporto di apprendistato.
Il corso di formazione teorica di cui sopra può essere frequentato anche in costanza di un rapporto di lavoro.

Aprire la partita Iva

Veniamo adesso agli aspetti legati alla parte fiscale che ci riguardano più da vicino.
Ti ricordiamo il nostro Team è formato da Commercialisti, e che con questo sito eroghiamo servizi per la gestione fiscale.
Per aprire la partita Iva, come per altre attività, devi compilare ed inoltrare il modello AA9-12 tramite:

  • modalità telematica tramite un intermediario abilitato come noi;
  • cartacea, alla sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate;
  • tramite raccomandata A/R

All’interno del modello AA9-12, devi inserire oltre ai dati personali, i dati specifici:

  • la scelta della sede della propria attività
  • codice Ateco
  • regime fiscale adottato.

Per maggiori informazioni leggi l’articolo partita Iva come si apre e quanto costa.

Iscrizione alla CCIAA

Per avviare l’attività devi iscriverti alla CCIAA che per impresa individuale viene fatta tramite il Modello I1. mentre per soggetti diversi dalle persone fisiche con Modello S5.
Devi curare attentamente anche l’inquadramento previdenziale.
Infine devi iscriverti all’Inail, Istituto Nazionale sugli infortuni sul lavoro.

Con il nostro servizio Go Commerciante ci occupiamo di tutte le pratiche necessarie per avviare la tua attività.
Apertura della Partita IVA, iscrizione al Registro Imprese e tutti gli altri adempimenti.
E’ inclusa tutta la gestione fiscale per l’anno ed il servizio di assistenza fiscale tramite ticket, chat e telefono.

Clicca per il pacchetto GO

I parrucchieri e la previdenza

Vediamo cosa comporta dal punto di vista previdenziale l’attività di parrucchiere.
E’ necessaria l’iscrizione alla gestione artigiani INPS ed i saranno proporzionali al reddito conseguito.
Ti ricordiamo che esiste un minimale per i contributi INPS pari ad 15.953 €.

Le aliquote contributive per il 2020 sono pari al 24 % del reddito ma sono previste agevolazioni alcune categorie di artigiani:

  • con più di 65 anni già pensionati godono di una riduzione del 50%;
  • che hanno meno di 21 anni godono di una aliquota agevolata al 20,55%;
  • per chi adotta il regime forfettario godono di una riduzione del 35%.

Il parrucchiere e le tasse

Dopo aver analizzato le aliquote contributive, diamo uno sguardo alle imposte che i parrucchieri devono pagare.
Se gli incassi percepiti non superano i 65.000 € all’anno abbiamo già visto si può adottare il regime forfettario.
Quando si oltrepassa questo limite, l’anno successivo sarà necessario passare al regime semplificato.

La caratteristica più importante del regime forfettario è che il reddito imponibile su cui si calcolano le tasse viene determinata a forfait.
Come vengono determinati i costi in modalità forfettaria?
Il coefficiente di redditività serve proprio per determinare il reddito imponibile ed è variabile a seconda dell’attività svolta.
Per l’attività di parrucchieri è pari al 67%.

Un esempio pratico

Per capire meglio il concetto facciamo un esempio molto semplice.
Cristina è una parrucchiera che ha aperto l’attività nel 2019 ed ha incassato 15.000 €.

Coefficiente di redditività: 67%
Imposta sostitutiva: 5%
aliquota versamento contributi 24% con riduzione del 35%
contributo di maternità 7,42 €

Reddito imponibile: 15.000 € x 67% = 10.050 €
Imposta sui redditi: 10.050 € x 5% = 502,50 €

Contributi INPS

15.953 € x 24% = 3.828,72 €

a cui vanno sommati 7,44 € previsti per il contributo di maternità e si ottiene

3.836,16 €

Cristina adottando il regime forfettario, può usufruire della riduzione del 35%.

Dovrà versare contributi INPS per 2.496,11 €.
che possono essere saldate in 4 rate da 624,03% cadauna.
Le scadenze dei versamenti sono le seguenti:

  1. 18 Maggio 2020;
  2. 20 Agosto 2020;
  3. 16 Novembre 2020;
  4. 16 Febbraio 2021.

Ricorda infine che dovrai anche iscriverti all’INAIL, perché l’attività di parrucchiere è un’attività artigianale.
Speriamo che il nostro articolo commercialista per parrucchieri èabbia chiarito quali sono le modalità con cui devi procedere per aprire l’attività.
Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci tramite Whatsapp o la pagina dei contatti.

Prenota Consulenza Gratuita

Se vuoi aprire la partita IVA o cambiare commercialista prenota una call telefonica con un nostro esperto per verificare se:

  • possiedi i requisiti per aderire al forfettario
  • se occorre partita IVA come professionista o ditta individuale
  • il funzionamento del nostro servizio

Per assistenza, simulazioni o su altre domande acquista il servizio di consulenza dedicata.
Se sei già abbonato al nostro servizio effettua il login e contatta il tuo consulente di riferimento dall’area riservata.

    Accetto i termini del servizio ed ho letto l'informativa sulla privacy

     

    Per offrire un servizio di alta qualità limitiamo il numero di nuovi clienti ogni mese. Se vuoi aprire in tempi rapidi la Partita IVA o cambiare commercialista invia la tua richiesta adesso per evitare possibili attese.

    Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

    Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
    Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
    E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

    Amazon Echo Show


    La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa
    Noi lo utilizziamo nei nostri uffici!

     

    Aiutaci a migliorare il servizio

    Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

    12 Comments

    1. Avatar Giulia 21 Novembre 2018
      • Sysadmin Staff 22 Novembre 2018
    2. Avatar Sasa 16 Dicembre 2018
      • Sysadmin Staff 17 Dicembre 2018
    3. Avatar Ros 4 Gennaio 2019
      • Sysadmin Staff 8 Gennaio 2019
    4. Avatar Donna 23 Gennaio 2019
      • Sysadmin Staff 23 Gennaio 2019
    5. Avatar Alessio Favaro 10 Settembre 2019
      • Staff Staff 11 Settembre 2019
    6. Avatar pako 16 Ottobre 2019
      • Staff Staff 16 Ottobre 2019

    Inserisci un commento

    I commenti sono soggetti ad approvazione. Devono essere attinenti al tema della pagina e non devono contenere richieste di consulenza personale.