Regime forfettario e lavoro dipendente

[Voti: 3 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime forfettario e lavoro dipendente

regime forfettario e lavoro dipendente

Riceviamo molte e-mail e telefonate di lavoratori dipendenti che desiderano aprire una partita Iva per svolgere attività imprenditoriale o libera professione.
In questo articolo non trattiamo gli impedimenti che possono sorgere, ma per eventuali chiarimenti puoi leggere l’articolo lavoro dipendente e regime forfettario.
Ti facciamo presente che puoi leggere anche l’articolo spese per lavoro dipendente nel regime dei minimi.

Vediamo quindi in dettaglio cosa lega il regime forfettario e lavoro dipendente soprattutto alla luce delle novità fiscali del 2017.
Se hai ulteriori domande scrivile nei commenti che risponderemo volentieri a tutti i quesiti.

Il tuo commercialista a 269€

Gestione contabilità 2019 + Dichiarazione + Conservazione digitale + Assistenza.
Regime Forfettario – Contabilità e dichiarazione 269€
Regime dei Minimi – Contabilità e dichiarazione 269€

Vuoi aprire la partita IVA?
Apri Gratis la partita Iva in regime forfettario!

La vecchia normativa tra regime forfettario e redditi di lavoro dipendente

La Legge di Stabilità per il 2016 ha abrogato la lettera d) del comma 54.
La stessa prevedeva che potevano accedere al regime forfettario i soli contribuenti che avevano conseguito redditi in misura prevalente rispetto a quelli di lavoro dipendente o assimilati nell’attività:

  • d’impresa;
  • arte;
  • professione.

Regime forfettario e redditi di lavoro dipendente per il 2017

La Legge di Stabilità 2016 ha modificato il rapporto di compatibilità tra il contribuente forfettario ed il proprio reddito da dipendente.
Precisiamo subito che le norme valide per il 2016 valgono anche per il 2017.
Coloro che applicano il regime forfettario a partire dal 2016, devono considerare quanto riportato dalla circolare ministeriale n. 10/E dell’aprile 2016.

E’ precluso l’accesso al regime per coloro che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente superiori a 30.000,00 €. (comma 111 Legge 208/2015).

Facciamo un esempio

Se un soggetto vuole aprire partita Iva nel 2017 deve osservare i propri redditi di lavoro dipendente nel 2016.
Laddove eccedano i 30.000,00 € non si potrà accedere al regime forfettario.
Tale limite, introdotto, con decorrenza 1° gennaio 2016, è confermato anche per il 2017.

Si ricorda che non opera se il rapporto di lavoro dipendente è cessato nel corso dell’anno precedente, ma ad una condizione.
Ovvero, nel medesimo anno, non deve essere stato percepito un reddito di pensione rilevante ai fini del raggiungimento della citata soglia.

Il motivo è nel fatto che anche il reddito da pensione è assimilato al reddito da dipendente.

Diverso è invece il caso laddove, nello stesso anno, il contribuente abbia cessato il rapporto di lavoro dipendente ma ne abbia intrapreso uno nuovo, ancora in essere al 31 dicembre.
In questo caso si attua la preclusione al regime forfettario.

Il motivo dell’applicazione dell’esclusione dal regime forfettario è stato giustificato dalla stessa Circolare n. 10/E con le seguenti parole.
“Ciò in coerenza con la ratio della disposizione, che ha il fine di incoraggiare il lavoratore rimasto senza impiego e senza trattamento pensionistico mediante la concessione di agevolazioni fiscali.
Si evidenzia, che ai fini della non applicabilità della causa di esclusione in commento rilevano solo le cessazioni del rapporto di lavoro intervenute nell’anno precedente a quello di applicazione del regime forfettario”.

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Fattura elettronica

Dal primo Gennaio 2019, entra in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica. I contribuenti in regime forfettario ed in regime dei minimi sono esonerati da tale obbligo. Se desideri maggiori informazioni leggi l’articolo regime forfettario e fattura elettronica.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Regime forfettario e lavoro dipendente ultima modifica: 2017-01-04T18:35:46+01:00 da Staff

2 Comments

  1. Samanta 10 Agosto 2017
    • Staff 11 Agosto 2017

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema o inserire un quesito semplice e breve, ti rispondiamo appena possibile. Per richiedere una consulenza e per risposte veloci utilizza il servizio di assistenza.