Commercialista per estetiste - regimeminimi.com

Commercialista per estetiste

[Voti: 64 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Commercialista per estetiste

Commercialista per estetiste

L’estetista è una professione molto popolare tra le ragazze di oggi. Stai pensando di aprire la partita Iva per fare l’estetista?
Hai già avviato l’attività e sei alla ricerca di come risparmiare su tasse e costi di gestione?

Un buon commercialista per estetiste deve farti pagare meno tasse se la tua situazione lo consente.
Deve fornirti il supporto adeguato durante la fase di startup, seguirti per la contabilità e provvedere alla tua denuncia dei redditi.
Nell’articolo di oggi, ci occupiamo in dettaglio degli aspetti più importanti se vuoi fare questo grande passo.

Ti guideremo su come aprire una partita Iva, la scelta del codice Ateco, l’iscrizione alla gestione separata.
Forse non sei al corrente, ma puoi adottare un regime fiscale agevolato se il tuo fatturato non supera i 65.000 €.

Il regime forfettario, permette di risparmiare sulle tasse da versare se i posseggono i requisiti per adottarlo.
Inoltre prevede molte semplificazioni ed una serie di agevolazioni. Se vuoi approfondire l’argomento, mettiti comodamente seduta ed in pochi minuti scopri tutto sul regime forfettario. Ti auguriamo buona lettura.

RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI

Devi presentare la dichiarazione dei redditi 2019?
I nostri prezzi partono da 169 €!
Contattaci su Whatsapp o invia una richiesta email.
Il nostro commerciale ti richiama per cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Contattaci per un preventivo

I requisiti professionali

La professione di estetista comprende molte attività e servizi tecnici.
Manicure, pedicure, massaggi, cerette, make up e trattamenti estetici di bellezza sono alcuni di quelli più conosciuti.
Per fare l’estetista, devi verificare se possiedi i requisiti richiesti dalle normative di legge.

I requisiti necessari per svolgere l’attività di estetista sono:

  • corso biennale con ottenimento della qualifica professionale o corso di specializzazione di un anno per ottenere l’abilitazione;
  • corso biennale al fine di ottenere la qualifica professionale, lavoro dipendente a tempo pieno, corso di 300 ore;
  • apprendistato, un anno di lavoro dipendente, corso di 300 ore;
  • lavoro dipendente di 3 anni corso di 300 ore.

Aprire la partita Iva

Se hai la necessità di aprire la Partita Iva, ti consigliamo il nostro servizio Go Artigiano.
Se hai dubbi o domande contattaci tramite l’apposita pagina.
Per aprire la partita Iva, deve essere compilato ed inoltrato il modello AA9-12 con una delle seguenti modalità:

  • telematicamente, attraverso gli strumenti di un consulente fiscale come regimemini.com;
  • cartacea, direttamente alla sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate;
  • tramite raccomandata A/R

All’interno del modello AA9-12, in aggiunta ai dati personali, devi inserire alcuni dati specifici.
Ad esempio la sede dove svolgerai l’attività, il codice Ateco corretto ed il regime fiscale adottato.

Il codice Ateco che vedi indicare può essere scelto tra uno dei seguenti:

  • 96.02.02 – Servizi degli istituti di bellezza;
  • 96.02.03 – Servizi di manicure e pedicure.

Ricordati che all’interno del modello AA9-12, puoi inserire più di un Codice Ateco.
Giunti a questo punto, il commercialista per estetiste ti deve indicare che regime adottare.

Regime forfettario per estetiste

Occupiamoci della scelta del regime fiscale adatto e delle tasse che l’estetista deve versare.
Ti abbiamo accennato all’esistenza del regime forfettario, un regime agevolato che ti consente di risparmiare sulle tasse.
E’ particolarmente indicato quando inizi l’attività o quando hai un volume di affari compreso nel limite previsto.

Se non superi la soglia limite di 65.000 € all’anno, puoi adottare il regime forfettario.
Ricapitoliamo, per l’attività di estetista, sono previsti i seguenti parametri:

  • limite dei ricavi pari a 65.000 €;
  • coefficiente di redditività pari al 67%.

La caratteristica peculiare del regime forfettario è la determinazione della base imponibile forfait.
Quindi, non si indaga analiticamente sulle spese effettive dell’attività.

Il coefficiente di redditività abbiamo visto che è del 67%.
L’aliquota dell’imposta sostitutiva è pari al 5% per i primi 5 anni se hai i requisiti richiesti.
Negli altri casi, si applica il 15% negli altri casi.

Quando di può applicare l’aliquota al 5%? Sono previsti vari casi, vediamone insieme qualcuno.
Se apri per la prima volta la partita Iva oppure non hai esercitato, nei 3 anni precedenti un’attività d’impresa o lavoro autonomo.
Quando l’attività svolta non costituisce mera prosecuzione di attività svolta in precedenza come lavoratore dipendente o assimilato.

Se vuoi aprire la partita IVA puoi affidarti ai nostri servizi Start!
Star Artigiano è la soluzione adatta per svolgere la professione di estetista.
Un nostro commercialista si occuperà di tutto il necessario per avviare la tua attività.

Per maggiori informazioni sul regime forfettario, puoi leggere la nostra guida al regime forfettario.
Oppure altri contributi come limite volume d’affari regime forfettarioaprire partita Iva nel regime forfettario.

L’estetista e la previdenza

Se svolgi la professione di estetista, devi essere iscritta alla Gestione Artigiani INPS.
Le spese da corrispondere all’INPS sono proporzionali al reddito conseguito.
Ti ricordiamo però che un reddito minimale di 15.953 € sul quale pagare i contributi.

Le aliquote, per il 2020, sono pari al 24 % del reddito.
Per le categorie artigiane, sono previste tre casi dove è possibile usufruire di agevolazioni:

  1. più di 65 anni già pensionati, c’è una riduzione del 50%;
  2. meno di 21 anni dove è prevista una aliquota agevolata al 20,55%;
  3. chi adotta il regime forfettario dove si gode di una riduzione del 35%.

Facciamo un esempio

Per comprendere meglio la tassazione prevista facciamo un semplice esempio.
Alessandra, è una estetista che ha aperto l’attività nel 2019 ed ha incassato 15.000 €.

Coefficiente di redditività: 67%
Imposta sostitutiva: 5%
aliquota versamento contributi 24% con riduzione del 35%
contributo di maternità 7,42 €

Reddito imponibile: 15.000 € x 67% = 10.050 €
Imposta sui redditi: 10.050 € x 5% = 502,50 €

Contributi INPS:

15.953 € x 24% = 3.828,72 €

a cui vanno sommati 7,44 € previsti per il contributo di maternità e si ottiene

3.836,16 €

Nel caso adotti il regime forfettario, puoi usufruire della riduzione del 35%.

In questo caso dovrai pagare contributi INPS per 2.496,11 €.
che puoi versare in 4 rate da 624,03% cadauna.
Le scadenze dei versamenti sono le seguenti:

  1. 18 Maggio 2020;
  2. 20 Agosto 2020;
  3. 16 Novembre 2020;
  4. 16 Febbraio 2021.

CI auguriamo che l’articolo commercialista per estetiste ti sia stato utile per chiarire molti dubbi.
Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci.

Un saluto – Tony Staff regimeminimi.com

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Amazon Echo Show


La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa!

 

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

 

14 Comments

  1. Avatar Mirko Biondi 28 Febbraio 2018
    • Sysadmin Staff 1 Marzo 2018
  2. Avatar Giuliana 1 Marzo 2019
    • Sysadmin Staff 7 Marzo 2019
  3. Avatar Michela 23 Marzo 2019
    • Sysadmin Staff 25 Marzo 2019
  4. Avatar Iulia 11 Aprile 2019
    • Sysadmin Staff 15 Aprile 2019
  5. Avatar Carola 9 Luglio 2019
    • Staff Staff 9 Luglio 2019
  6. Avatar Iren Moraru Moraru 15 Ottobre 2019
    • Staff Staff 16 Ottobre 2019
  7. Avatar Luca 23 Aprile 2020
    • Staff Staff 24 Aprile 2020

Leave a Reply

Avviso: pubblichiamo solo commenti attinenti al titolo della pagina, che ne arricchiscano il contenuto e non siano riferiti a situazioni personali ma di carattere generale. Per consulenze su situazioni personali usa il servizio di assistenza a pagamento, trovi il link al servizio nel menù principale del sito.

Hai bisogno di info sui nostri servizi? whatsapp