Certificazione dei corrispettivi regime forfettario

[Voti: 10 Media voto: 5]
Home > L'esperto risponde > Certificazione dei corrispettivi regime forfettario

certificazione dei corrispettivi regime forfettario

Un nostro lettore Ennio di Ancona ci chiede maggiori informazioni in merito a certificazione dei corrispettivi regime forfettario.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Certificazione dei corrispettivi regime forfettario

Buonasera, grazie per il vostro nuovo servizio dedicato a problemi fiscali delle piccole e medie aziende.
Vi illustro brevemente la mia situazione attuale.

Sono un contribuente nel regime forfettario dal 1° gennaio 2017, come mi comporto adesso con il nuovo regime visto che, nel regime semplificato, ero esonerato alla certificazione dei corrispettivi?
Inoltre vi chiedo maggiori informazioni sul costo del vostro servizio.

E’ compresa anche una assistenza telefonica nel caso io avessi problemi inerenti la mia attività?
Grazie in anticipo.

Ennio – Ancona

Il tuo commercialista online
269
Gestione forfettario + apertura partita Iva
Gestione contabilità con dichiarazione redditi, conservazione digitale ed assistenza
Guarda il listino prezzi

La nostra risposta ad Ennio

Ciao Ennio, grazie per la tua domanda su certificazione dei corrispettivi regime forfettario.
Nel nostro servizio è compresa anche l’assistenza ordinaria telefonica, via email o chat nel caso tu incontrassi qualsiasi tipo di problema.

Veniamo all’argomento della tua richiesta.

I contribuenti esonerati dall’obbligo di rilasciare lo scontrino o la ricevuta fiscale, se applicano regime dei minimi, possono continuare a fruire dell’esonero dall’emissione dei documenti fiscali purché provvedano a certificare i corrispettivi giornalieri annotandoli in un apposito registro cronologico. (Risoluzione del 23 aprile 2009, n. 108/E).

E’ questo il caso del commerciante al dettaglio di prodotti via internet, colui che lavora tramite il cosiddetto e-commerce.
Infatti chi vende prodotti tramite internet non è obbligato all’emissione della fattura o ricevuta.

Il quadro normativo non cambia ovviamente se da questo periodo d’imposta appartieni al regime forfettario.
Il tuo unico dovere sarà quello di annotare gli incassi giornalieri su un registro dei corrispettivi.

L’annotazione deve essere eseguita entro il giorno non festivo successivo.
Nel caso del commercio online la fattura deve essere emessa solo qualora venisse richiesta.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Capire il regime forfettario

Se vuoi approfondire e comprendere meglio il regime forfettario ti suggeriamo di comprare questo libro. Il costo è irrisorio solo 28 € e la lettura si fa apprezzare per la chiarezza con la quale sono trattati i temi fondamentali. Giunto ormai alla quarta edizione, prende in esame il forfettario per gli autonomi, i professionisti e le piccole realtà imprenditoriali e commerciali. Il volume ha un giusto taglio operativo e grazie al supporto di esempi di calcolo e casi concreti è veramente godibile. Dai requisiti, alle le modalità di accesso ai soggetti esclusi tutto è affrontato in modo semplice e chiaro. Visto il prezzo lo consigliamo senza riserve.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

11 Comments

  1. Avatar ennio 11 Aprile 2017
  2. Avatar GIULIO LUONGO 23 Ottobre 2017
    • Sysadmin Staff 26 Ottobre 2017
  3. Avatar Concetta 7 Aprile 2018
    • Sysadmin Staff 9 Aprile 2018
      • Avatar Francesca 29 Marzo 2019
        • Sysadmin Staff 1 Aprile 2019
  4. Avatar Eleonora 5 Aprile 2019
    • Sysadmin Staff 8 Aprile 2019
      • Avatar Eleonora 9 Aprile 2019
        • Sysadmin Staff 15 Aprile 2019

Leave a Reply