Domande su dichiarazione minimi

[Voti: 2 Media voto: 5]

domande su dichiarazione minimi

Un nostro lettore Giovanni di Firenze ci ha inviato una serie di domande su dichiarazione minimi.
Ti invitiamo a scrivere nei commenti se anche tu hai domande relative a questo argomento.
Se hai un argomento di tuo interesse richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti.

Domande su dichiarazione minimi

Spett. studio essendo la prima volta che compilo la dichiarazione pf( per il Regime fiscale di vantaggio l.98 del 6.7.2011,) avrei da proporvi i seguenti quesiti:

  1. Le spese effettuate si calcolano con iva compresa o esclusa?;
  2. Come si applica il super ammortamento al 140%?
    Tutte le spese per beni strumentali ( con Iva o senza Iva ? ) + 40% si indicano nella colonna 1 ? ed anche nella colonna 2 ? del rigo LM5 (totale componenti negativi);
  3. Come bisogna comportarsi con le spese inferiori a 516,45 euro?;
  4. Avendo da pagare nel 2016 un’imposta sostitutiva di 580,00 euro ( rigo LM11) per il 2015;
    -avendo pagato il 5/7/2016 un acconto per il 2016 di 246,00 euro ;
    -avendo pagato il 22/11/ 2016 altre 369,00 euro per il 2016 ( in tutto 615,00 euro);
    cosa ne consegue?
  5. Avendo redditi da terreni e casa inferiori a 500,00 euro, avendo anche redditi da professionista , come ci si comporta con le tasse di questi redditi?;
  6. Avendo piccole e varie percentuali di proprietà di numerose particelle di terreno, si possono riassumere queste particelle secondo la percentuale di proprietà
    ( 11,11 % , 5,55 %, 6,17 % etc)?

Vi ringrazio per la vostra cortesia, saluti

Giovanni – Firenze

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

La nostra risposta a Giovanni

Buongiorno Giovanni e grazie per le tue domande su dichiarazione minimi.
Premettiamo che il regime fiscale in oggetto, c.d. regime dei minimi, non è più applicabile dal 1 Gennaio 2016.
Solamente chi alla data del 31/12/2015 lo aveva già adottato può mantenerlo fino alla naturale scadenza.

Fatta questa premessa cerchiamo di rispondere alle tue domande:

1) Le spese sostenute nell’esercizio dell’attività devono essere considerate al lordo dell’Iva, in quanto risulta un vero e proprio costo per i contribuenti minimi;

2) Il super ammortamento del 140% si applica aggiungendo alla percentuale ordinaria di deducibilità (quindi 100% se bene strumentale completamente inerente all’attività, o 50% se bene strumentale ad uso promiscuo) un 40% aggiuntivo di costo, riportiamo di seguito un esempio:

Acquisto PC: 1.200€ + Iva = 1.464€

Importo deducibile ordinariamente al 100%= 1.464€

Importo deducibile con super ammortamento= 1.464 + 40% = 2.049,60€.

L’importo del 40% (nel nostro caso 585,60€) deve essere riportato nel rigo LM5 colonna 1, mentre nel rigo LM5 colonna 2 deve essere riportato il costo complessivo deducibile (2.050€)

3) Anche per i beni inferiori ai 516,45€ è possibile applicare il superammortamento.

5) Ricordiamo che i redditi percepiti dal lavoro autonomo nel regime dei minimi non fanno cumulo con gli altri redditi tassati da IRPEF, infatti seguiranno tassazioni separate

Siamo spiacenti di non aver potuto rispondere alle domande n° 4 e n° 6, perché non siamo riusciti a comprendere cosa ci volevi chiedere.

Un saluto

Lo Staff di regimeminimi.com

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

Leave a Reply