Ex dipendente a tempo determinato e regime dei minimi

[Voti: 2 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Ex dipendente a tempo determinato e regime dei minimi

ex dipendente a tempo determinato e regime minimi

L’azione del regime dei minimi fino al 2015

L’art. 10, D.L. 192/2014 disciplinava il termine al 31.12.2015 entro il quale i contribuenti potevano scegliere di adottare il regime di cui all’art. 27, commi 1 e 2, D.L. 98/2011, con applicazione dell’imposta sostitutiva del 5%.
anno.

Il regime dei minimi era applicabile al sussistere dei requisiti di novità:

  • per il periodo d’imposta in cui era iniziata l’attività e per i 4 successivi;
  • anche oltre il quarto anno successivo e fino all’anno in cui il contribuente compiva 35 anni.

Per quanto sopra, risulta chiaro che dal 1° gennaio 2016 non è più possibile aprire un partita Iva con il regime dei minimi.
Ancora oggi però, e per i prossimi periodi d’imposta, vi saranno molti contribuenti che continueranno ad adottare “per trascinamento” il regime dei minimi.

Il tuo commercialista online

Apertura della Partita Iva Gratis
Gestione contabilità 2019 con dichiarazione redditi
Conservazione digitale ed assistenza.
Guarda il nostro listino prezzi

La disciplina generale del regime dei minimi

Le caratteristiche fondamentali del regime dei minimi sono:

  • si applica, solo alle persone fisiche che avevano intrapreso un’attività d’impresa, arte o professione dopo il 31.12.2007.
    Per stabilire quale fosse il periodo di imposta di inizio di una nuova attività produttiva, si deve fare riferimento all’effettivo esercizio dell’attività. (prima effettuazione di operazioni attive o passive relative all’attività) (C.M. Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E);
  • l’imposta sostitutiva di Irpef e relative addizionali al 5 %.

Condizioni da rispettare

Per accedere al regime dei minimi si devono rispettare le seguenti condizioni:

  1. il contribuente non deve aver esercitato nei 3 anni precedenti attività artistica, professionale o d’impresa anche in forma associata o familiare;
  2. l’attività esercitata non deve costituire in alcun modo mera prosecuzione di altra attività in precedenza svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.
    L’unico caso escluso è il periodo di pratica obbligatoria.
    L’esistenza di tale requisito va sempre verificata in presenza di attività di lavoro dipendente svolte con un contratto di lavoro a tempo indeterminato.
    Non precludono l’applicazione del regime forme di lavoro precario (ad es. co.co.co e contratti di lavoro a tempo determinato) (C.M. Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E);
  3. nel caso in cui l’attività in questione sia proseguimento di attività di un altro soggetto, il volume di ricavi del precedente anno non deve eccedere i 30.000,00 €.

Ex dipendenti a tempo determinato e regime dei minimi

Dal punto 2 del paragrafo precedente si evince chiaramente che l’ex dipendente a tempo determinato poteva, fino al 31 dicembre 2015, aprire la partita Iva ed aderire al regime dei minimi.
Questo espressamente confermato grazie all’indicazione dell’Agenzia delle Entrate, con C.M. 30.5.2012 n. 17/e.
E’ possibile ancora oggi, continuare ad adottare il regime dei minimi “per trascinamento”.
Soltanto però, nel caso in cui il contribuente sia ancora nei 5 primi esercizi di attività con partita Iva o se, decorso il quinquennio, non ha compiuto 35 anni di età.

Se sei interessato alle vendite online, all'e-commerce ed alle strategie marketing, ti suggeriamo alcuni libri che puoi acquistare online per approfondire gli argomenti.

Oggi l'ecommerce è un'attività che abbraccia mercati di ogni tipo e dimensione. La grande maggioranza dei progetti, sono stati creati senza una strategia efficace e senza nemmeno proporsi obiettivi misurabili.
Il libro spiega come creare un progetto che funzioni davvero, come scegliere i consulenti ed i partner adatti.
Se stai pensando di avviare il tuo ecommerce è uno dei libri consigliati per per schiarirti le idee e creare un progetto online per espandere il tuo business.

Questo libro rappresenta una sorta di vademecum per tutti coloro che vogliono aprire un’attività e fare impresa in Italia alla luce delle evidenti difficoltà.
Nato da un progetto tra le colline del Chianti Mad in Italy ha l'obiettivo di valorizzare il coraggio italico dell'imprenditore pazzo. Sono contenuti molti esempi pratici di impresa di successo in Italia. Veramente consigliato.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

 

Leave a Reply