Regime dei minimi per dipendenti

[Voti: 6 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Regime dei minimi > Regime dei minimi per dipendenti

regime dei minimi per dipendenti

Capitano spesso richieste di lettori del nostro blog che, pur avendo un lavoro dipendente, sono interessati ad iniziare un’attività imprenditoriale adottando il regime forfettario o dei minimi.
Una delle questioni più spinose che ci vengono sollevate, è quella relativa agli obblighi contributivi previdenziali.
E’ necessario fare chiarezza, a questo proposito oggi consideriamo alcuni aspetti sul regime dei minimi per dipendenti analizzando due possibili scenari.

Come prima cosa ricordiamo che, dal 2016, si può aprire una nuova partita Iva avvalendosi soltanto del regime forfettario.
Il regime dei minimi non è comunque morto, perché ancora oggi adottabile da alcuni soggetti e per trascinamento se sussistono i requisiti richiesti.
Sul blog, sono presenti altri articoli che legano i regimi agevolati al lavoro dipendente, li evidenziamo più avanti.

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Contributi INPS: da dipendente a imprenditore

Il primo scenario riguarda un dipendente a tempo indeterminato.
Sussiste l’obbligo di adempiere anche gli obblighi Inps per la gestione artigiani o commercianti?

L’art. 1, comma 208 della legge 23 dicembre 1996, n. 662 ha istituito il criterio della prevalenza.
Ovvero “Qualora i soggetti … esercitino contemporaneamente, anche in un’unica impresa, varie attività autonome assoggettabili a diverse forme di assicurazione obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, sono iscritti nell’assicurazione prevista per l’attività alla quale gli stessi dedicano personalmente la loro opera professionale in misura prevalente”.

La circolare 78/2013 ha anche precisato che il principio di prevalenza vale solo per quei soggetti che abbiano natura imprenditoriale. (definibili ai sensi dell’art. 2195 c.c.).
Un esempio sono le attività economiche organizzate ed esercitate professionalmente dall’imprenditore, al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi e soggette a registrazione.
Il lavoratore dipendente avrà oggettivamente la sua attività prevalente quale dipendente.
Questo anche in costanza di attività imprenditoriale con partita Iva, in quanto la contribuzione di una persona fisica è unica.

Il dipendente a tempo indeterminato che vuole aprire una partita Iva con la quale esercitare attività artigianale o commerciale non ha rilievi Inps.

E nel caso di lavoratore è part time? In presenza di un lavoro a tempo indeterminato part-time a 26 ore settimanali, non si deve effettuare una doppia iscrizione INPS.

Contributi INPS: da dipendente a libero professionista

In questo caso, sia che l’attività libero professionale sia assistita o meno da cassa di previdenza ad hoc, non si applica il principio visto nell’altro caso.

Per quanto riguarda i senza cassa, l’Inps ha perentoriamente ricordato un aspetto riguardante il criterio della prevalenza con la circolare 78/2013.
Ovvero che l’applicazione di quest’ultimo è stata sempre esclusa in ordine a quelle attività autonome svolte in forma non imprenditoriale e che rientrano nell’obbligo di iscrizione alla Gestione Separata. (di cui alla legge n. 335/95, art. 2, comma 26.)

Pertanto, cosa avviene in caso di contemporaneo esercizio di due attività, l’una di natura imprenditoriale e l’altra compresa tra quelle iscrivibili alla gestione separata?
Questo Istituto ha proceduto ad imposizione contributiva nell’ambito di entrambe le gestioni previdenziali interessate.

Ribadiamo che l’iscrivibilità alla gestione separata Inps per l’attività libero professionale svolta da dipendente è stata ribadita dal decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, art. 12, comma 11.
In seguito lo stesso è stato convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122, che ha disposto che il principio di prevalenza opera soltanto per le attività esercitate in forma d’impresa dai commercianti e dagli artigiani e dai coltivatori diretti.

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

2 Comments

  1. Avatar Michele 11 Aprile 2018
    • Sysadmin Staff 11 Aprile 2018

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.