Come vendere su Amazon senza partita Iva

[Voti: 43 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Come vendere su Amazon senza partita Iva

come vendere su amazon senza partita iva

La vendita di prodotti a privati tramite Amazon costituisce, a tutti gli effetti, attività di commercio elettronico indiretto.
Sempre un numero maggiore di persone, si avvicinano a questo tipo di attività, sia a tempo pieno sia part time.
Oltre che dalle statistiche, noi ce ne accorgiamo dalle numerose richieste di informazioni che ci arrivano dai lettori.

Gli argomenti strettamente correlati alla vendita di beni e servizi online, inutile negarlo, sono ormai un argomento di grande attualità.
Per questo motivo oggi vediamo sia come vendere su Amazon senza partita iva ma anche come farlo quando si è muniti di partita Iva.
Se cerchi sul nostro blog, troverai altri contributi, su come vendere su Amazon, ma anche sul commercio elettronico in generale.

Amazon Echo Show


Crea la casa intelligente con Echo Show si connette ad Alexa!
Echo Show
Audio di ottima qualità e brillante schermo HD da 10"

Richiedici preventivo

Il nostro staff è composto da commercialisti, richiedici un preventivo per la tua attività senza impegno.
Apertura partita Iva, Dichiarazione redditi, variazione dati alla CCIIA, aggiunta codice Ateco sono alcuni dei nostri servizi online.

Richiedi un preventivo

Come vendere su Amazon senza partita Iva

Innanzitutto rispondiamo dalla domanda più scontata che potrebbe esserci rivolta da chi prospetta un’attività di vendita beni su Amazon.
E’ possibile vendere sia come privato senza partita Iva?
Sì, ma con dei limiti molto stringenti, non è possibile superare 40 beni ceduti.

Vendere su Amazon con partita Iva

Se la vendita di beni diventa continuativa, occorre aprire necessariamente la partita Iva.
Vendere beni su Amazon, significa esercitare un’attività imprenditoriale di natura commerciale.
L’attività di commercio online, può essere esercitata sia come ditta individuale, sia come società di persone o di capitali.

Per intenderci, rispettivamente una S.a.s. o S.n.c. oppure S.r.l o S.r.l.s. ad esempio.

Gli adempimenti necessari per aprire l’attività sono i seguenti:

  • apertura partita Iva. Il codice attività ATECO da utilizzare è il seguente
    47.91.10 – Commercio al dettaglio di qualsiasi prodotto effettuato via internet;
  • compilazione della SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) al SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) dove ha sede l’attività;
  • invio ComUnica alla CCIAA di competenza;
  • apertura eventuale posizione INPS ed INAIL.

Vendite su Amazon e disciplina Iva

Il commercio elettronico indiretto è assimilato, ai fini della disciplina Iva, alle vendite per corrispondenza.
Per tali cessioni, non è obbligatoria l’emissione della fattura, a meno che non sia richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione.
Tutto questo è disciplinato dall’art. 22, comma 1, n. 1) del D.P.R. n. 633/1972.

L’art. 101, comma 2 della legge 21 novembre 2000, n. 342, ha condizionato la previsione di non obbligatorietà di emissione della fattura sia che il pagamento sia stato effettuato con l’intervento di intermediari finanziari abilitati (es. carte di credito), sia alla necessità della presenza di idonea documentazione.

Le cessioni di beni su piattaforme, quali Amazon, non sono soggette nemmeno all’obbligo di certificazione fiscale. (mediante scontrino o ricevuta).
Queste semplificazioni, consentono a chi decide di vendere beni di non emettere nessun documento a fronte di una vendita a consumatori privati.

Questo perché è sufficiente l’annotazione sul registro dei corrispettivi del totale delle operazioni giornaliere (ex art. 24 del D.P.R. n. 633/1972).
Laddove i clienti richiedano le fatture, occorrerà registrarle come peraltro ogni soggetto passivo Iva, nel registro delle fatture emesse di cui all’art. 23 del D.P.R. n. 633/72.

Restituzione beni e disciplina Iva

Laddove il cessionario restituisca i beni al venditore, ad esempio esercitando il diritto di recesso, occorre esaminare quali sono i riflessi nella normativa Iva.
Nel caso in cui il venditore abbia emesso fattura, allo stesso è consentito utilizzare la procedura di variazione prevista dall’art. 26 del D.P.R. n. 633/1972.

Se invece il venditore non ha emesso fattura od altro documento fiscale (classico esempio di cessione B2C), lo stesso dovrà fornire la documentazione che consenta l’identificazione degli elementi necessari a correlare la restituzione al medesimo bene risultante dal documento che prova la vendita originaria quali:

  • generalità del soggetto acquirente;
  • ammontare del prezzo rimborsato;
  • codice dell’articolo oggetto di restituzione;
  • codice di reso (quest’ultimo deve essere riportato su ogni documento emesso per certificarne il rimborso).

Il regime forfettario per il commercio online su Amazon

Il nuovo regime forfettario è, nel nostro Paese, il regime naturale per tutte le partite Iva che esercitano micro attività.
Ovviamente vi sono dei limiti ben precisi per adottare questo regime agevolativo.

Per il commercio al dettaglio e per il commercio online, il limite di ricavi annui 65.000 € con un coefficiente di redditività pari al 40%.

Facciamo un esempio per capire meglio la fiscalità da applicare ad un attività di commercio online.
Supponiamo un fatturato di 10.000 € e vediamo come procedere per il calcolo dell’imposta sostitutiva.

Su 10.000 € devi applicare il coefficiente di redditività pari al 40% per ottenere la base imponibile su cui applicare l’imposta sostitutiva.

Nel nostro caso, la base imponibile diventa quindi 4.000 €.

Per calcolare le tasse da versare, è sufficiente applicare l’imposta alla base imponibile.
Se sei nei primi 5 anni della tua attività puoi usufruire dell’aliquota del 5% di imposta sostitutiva sarà:

4.000 € x 5% = 200 € imposta sostitutiva per il periodo d’imposta 2019.

Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

Aiutaci a migliorare il servizio

Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

35 Comments

  1. Avatar Glaucia 16 Gennaio 2018
    • Sysadmin Staff 16 Gennaio 2018
      • Avatar Fabio Fusco 19 Giugno 2019
        • Staff Staff 20 Giugno 2019
  2. Avatar Sonia 17 Gennaio 2018
  3. Avatar Pamela 18 Febbraio 2018
    • Sysadmin Staff 20 Febbraio 2018
  4. Avatar Salvatore 3 Aprile 2018
    • Sysadmin Staff 4 Aprile 2018
  5. Avatar alessandro 13 Settembre 2018
    • Sysadmin Staff 13 Settembre 2018
  6. Avatar Antonio 15 Settembre 2018
    • Sysadmin Staff 17 Settembre 2018
  7. Avatar giuseppe 22 Settembre 2018
    • Sysadmin Staff 24 Settembre 2018
  8. Avatar Mario 16 Ottobre 2018
    • Sysadmin Staff 16 Ottobre 2018
  9. Avatar Marco 17 Ottobre 2018
    • Sysadmin Staff 17 Ottobre 2018
  10. Avatar Mario 17 Ottobre 2018
    • Sysadmin Staff 17 Ottobre 2018
  11. Avatar micol 20 Novembre 2018
    • Sysadmin Staff 20 Novembre 2018
      • Avatar Micol 20 Novembre 2018
        • Sysadmin Staff 22 Novembre 2018
  12. Avatar Federica 6 Febbraio 2019
    • Sysadmin Staff 7 Febbraio 2019
  13. Avatar Giuseppe 26 Febbraio 2019
    • Sysadmin Staff 27 Febbraio 2019
  14. Avatar Roberta 4 Maggio 2019
    • Sysadmin Staff 10 Maggio 2019
  15. Avatar Luigi 8 Maggio 2019
    • Sysadmin Staff 10 Maggio 2019
  16. Avatar Francesco 4 Giugno 2019
    • Sysadmin Staff 5 Giugno 2019

Inserisci il tuo commento

Gentile lettore, i commenti non sono consulenze, sono richieste di chiarimento sugli argomenti del post.
Sul nostro blog sono moderati, prima di essere pubblicati richiedono la nostra verifica ed approvazione. Devono essere brevi, in tema con il post e contenere una sola domanda formulata in modo chiaro. In caso contrario verranno cestinati.
Se desideri una consulenza utilizza il servizio di consulenza tramite questo link.