Commercialista per consulente informatico - regimeminimi.com

Commercialista per consulente informatico

[Voti: 36 Media voto: 5]
Home > Fisco e Tasse > Commercialista per consulente informatico

Commercialista per consulente informatico

Oggi una delle professioni emergenti e più popolare tra i giovani è sicuramente quella del consulente informatico. In questo articolo trattiamo gli aspetti principali che un commercialista per consulente informatico deve indicarti soprattutto se intendi iniziare questa attività.

Con il quadro normativo in vigore in Italia svolgere un attività come professionista non prevede l’obbligo di iscrizione in Camera di Commercio. Dal punto di vista previdenziale significa che il consulente informatico dovrà iscriversi alla Gestione separata INPS in quanto non è prevista una Cassa di Previdenza Autonoma.

I contributi verranno quindi versati in proporzione a quanto effettivamente guadagnato e non in misura fissa minima come nel caso di artigiani o commercianti. Per quanto riguarda il regime fiscale è possibile adottare il regime forfettario, un regime agevolato che premette di risparmiare sulle tasse e di godere di molte agevolazioni.

Devi sapere che dal primo gennaio 2020, il regime forfettario ha subito una serie di modifiche previste con la nuova Legge di Stabilità. In sintesi il limite del fatturato è fissato in 65.000 € e l’aliquota dell’imposta varia dal 15% al 5% a seconda dei casi. Ma avremo modo di approfondire meglio questi concetti più avanti anche con
Mettiti comodo ed in pochi minuti vediamo tutto quello che c’è da sapere, buona lettura.

 RISPARMIA CON I NOSTRI PACCHETTI
Vuoi aprire la partita IVA gratis o cambiare commercialista? Contattaci ti aiutiamo a cercare la soluzione adatta alle tue necessità!

Guarda il listino prezzi

Caterina, servizio clienti
Caterina

Chi è il consulente informatico

Il consulente informatico spesso svolge le attività più disparate in ambito informatico, dalla configurazione di reti alla realizzazione di siti Internet.
Per questo motivo il consulente informatico può essere inquadrato sia come artigiano che come professionista.
Noi preferiamo considerarlo un professionista a tutti gli effetti, perché prevale sempre il capitale umano, ovvero le proprie competenze.

Commercialista per consulente informatico

Abbiamo visto che la figura del consulente informatico può prevedere mansioni che abbracciano un ampia gamma di possibilità. Prestiamo solo attenzione a non sconfinare in attività dove il capitale umano sia non prevalente rispetto al capitale inteso come mezzi e denaro necessari per lo svolgimento dell’attività.

Non ci resta che affrontare gli aspetti legati alla parte fiscale dell’attività con inquadramento come professionista.
Coma aprire la partita Iva, scelta del codice Ateco, il regime fiscale adatto per cominciare l’attività, un esempio di calcolo delle tasse da versare ed infine la possibilità di risparmiare per la tenuta contabile e fiscale grazie al nostro innovativo servizio online.

Prendere la partita come consulente informatico

Per avviare la propria attività come consulente informatico è necessario aprire la partita Iva ed effettuare l’iscrizione alla gestione separata dell’INPS.
Come abbiamo già visto, la contribuzione previdenziale è proporzionale al reddito imponibile.
Per il periodo d’imposta 2020 l’aliquota prevista è pari al 25,72%.

Il codice ATECO adatto allo svolgimento di questa attività è il 62.02.00, che corrisponde a Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica.

Si ricorda che l’INPS Gestione Separata è parzialmente a carico del committente in quanto la norma obbliga il consulente, al momento di emissione della fattura, all’applicazione della rivalsa contributi pari al 4%.

Il consulente informatico con il regime forfettario

Come abbiamo anticipato, in Italia è possibile adottare un regime agevolato, il regime forfettario, che permette di iniziare questa attività senza un carico fiscale troppo elevato.
Se vuoi approfondire cos’è il regime forfettario, sul nostro blog trovi molti articoli dove approfondiamo alcuni argomenti specifici:
Guida al regime forfettario
Limite volume d’affari regime forfettario
Aprire partita Iva nel regime forfettario.

Diamo adesso uno sguardo agli aspetti più rilevanti che devi conoscere per svolgere l’attività di consulente informatico. Se non percepisci redditi lordi superiori a 65.000 € nell’anno puoi adottare il regime forfettario.

Se possiedi i requisiti necessari pagherai un’imposta sostitutiva pari al 5% su una base imponibile calcolata in modo forfettario ossia pari al 67% dei ricavi.

Facciamo un esempio

Ipotizziamo che un consulente informatico consegua ricavi nel corso del 2019 pari a 20.000 € ed adotti il regime forfettario. In questo caso la base imponibile su cui calcolare sia l’imposta sostitutiva sia i contributi INPS è pari:

al 67% di 20.000 € = 13.400 €

L’imposta sostitutiva sarà pari a:

il 5% di 13.400 € = 670€

I contributi INPS della gestione separata saranno pari a:

il 25,72% di 13.400 € = 3.446,48 €

Grazie al principio della rivalsa, il 4% di 20.000 € ossia 800 €, sarà imputato per rivalsa al committente.

Versamenti gestione separata INPS

Le scadenze per i versamenti alla gestione separata INPS sono gli stessi delle imposte sui redditi.
Anche le modalità di versamento sono le stesse con calcolo dell’acconto e del saldo.
Per completare l’esempio di prima consideriamo il 2019 come primo anno di attività.

Il saldo relativo all’anno 2019 che verrà versato nel Giugno 2020, sarà pari a 670 € di imposta sostitutiva e 3.446,48 € di INPS.

Nel corso del 2020 sarà necessario versare anche gli acconti per l’anno successivo.
Gli acconti  2020 per l’imposta sostitutiva sono pari al 100% del saldo 2019.
Il versamento è effettuato in due rate, la prima a Giugno del 40%, la seconda a novembre del 60%.

Gli acconti 2020 della Gestione Separata INPS sono pari all’80% del saldo 2019.
Il versamento è effettuato in due rate uguali del 40%, la prima a Giugno e la seconda a Novembre.
Entrambi gli acconti saranno poi sottratti dal saldo delle imposte e dei contributi maturati sui redditi del 2019.

Completiamo di seguito il nostro esempio con il calcolo degli acconti:

Giugno 2020:
1°acconto imposta sostitutiva: 40% di 670 € = 268 €
1°acconto gestione separata INPS: 40 % di 3.446,48 € = 1.378,59 €

Novembre 2020:
2°acconto imposta sostitutiva: 60% di 670 € = 402 €
2°acconto gestione separata INPS: 40% di 3.446,48 = 1.378,59 €

Un saluto – Team regimeminimi.com

Aprire la Partita IVA o cambiare commercialista?

1. Richiedi consulenza gratuita
2. Ti chiamiamo per spiegarti quale partita IVA è adatta ed il nostro servizio
3. Dopo la tua conferma, attiviamo la tua Partita IVA o l'abbonamento in 24 ore

    Acconsento al trattamento dati

    Se hai la necessità di approfondire il regime forfettario con le novità sulla flat tax ti consigliamo la lettura del libro Regime forfettario e contabilità semplificata 2019 di Salvatore Giordano. 

    Nel caso per la tua attività ti occupi di commercio elettronico devi leggere il libro Ecommerce marketing & vendite.
    Edito da edito da Hoepli, il libro di Francesco Antonacci contiene molti strumenti e strategie per vendere online.
    E' un testo ben fatto e contiene tanti spunti interessanti per promuovere e aumentare il tuo business on line.

    Amazon Echo Show


    La casa intelligente con Echo Show Echo Show si connette ad Alexa
    Noi lo utilizziamo nei nostri uffici!

     

    Aiutaci a migliorare il servizio

    Segnala eventuali errori o imprecisioni su questo articolo al nostro webmaster tramite la pagina dedicata

    2 Comments

    1. Avatar Marcello Mazzilli 24 Luglio 2019
      • Staff Staff 24 Luglio 2019

    Inserisci un commento

    Avviso ai lettori: verranno pubblicati solo i commenti in tema al titolo della pagina per chiarimenti sui contenuti pubblicati. Se hai necessità di consulenze personali usa il servizio di assistenza. Leggi la pagina maggiori informazioni su come inserire un commento.